Ferrari 275 GTB

Un prototipo di Ferrari 275 GTB del 1964 sarà messo all’asta da Gooding & Company in una vendita a Scottsdale a fine mese. La 275 GTB fu introdotta nel 1964 come il successore della 250 GT SWB Berlinetta, sul telaio 06003. Si tratta della prima 275 GTB mai costruito che la Ferrari ha utilizzato come prototipo e vettura di sviluppo. Quando inizialmente fu costruito, 06003 fu equipaggiato con uno dei primi motori Tipo 213 e presentò uno stile del corpo detto a naso corto. Durante lo sviluppo, Ferrari ha continuamente aggiornato e ridisegnato la carrozzeria per sfoggiare uno stile a naso lungo.

Nel 1965, il direttore sportivo della Ferrari Eugenio Dragoni e l’amministratore delegato della Ferrari, Ugo Gobbato, fecero la coraggiosa decisione di testare la Ferrari 275 GTB in un rally per raccogliere informazioni sul suo transaxle e sulle sospensioni posteriori indipendenti. L’auto è stata equipaggiata con luci di guida supplementari, vetri rinforzati, un differenziale di bloccaggio del 75 per cento, un cappuccio modificato, un terzo tergicristallo e pneumatici Dunlop. Con l’aiuto del collaudatore ufficiale Ferrari, Roberto Lippi e del pilota di rally Giorgio Pianta, 06003 è stato testato per meno di 12.000 km in condizioni di gara. Nel 1966, l’auto debuttò nel Rally di Monte Carlo. Sfortunatamente, le emissioni della trasmissione costrinsero la Ferrari a ritirare la vettura.

Dopo l’unico rally disputato il veicolo passò attraverso le mani di numerosi proprietari privati ​​prima di essere esportato negli Stati Uniti nel 1977 mentre era di proprietà di Henry Fuchs. Sorprendentemente, l’auto non è stata esposta negli ultimi 25 anni, nonostante sia l’unica Ferrari 275 GTB del suo genere. Gooding & Company si aspetta di ottenere dalla sua vendita tra i 6 milioni e gli 8 milioni di dollari.