General Motors
General Motors

General Motors ha registrato le denominazioni Cavalier e Chevrolet Cavalier presso l’ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti. Al momento non si sa se il marchio punta davvero a far risorgere la berlina compatta scomparsa da diversi anni in quel mercato. La Chevrolet Cavalier era una gamma di modelli compatti ed economici che sono stati venduti sul mercato statunitense tra il 1982 e il 2005. La gamma era composta di varianti di carrozzeria berlina a 4 porte, 2 porte coupé e cabrio. Nel 2005 è stato sostituito dal Chevrolet Cobalt, che non gode di una gamma ampia come il suo predecessore e ha avuto meno fortuna nel mercato statunitense, tanto da uscire di scena nel 2010. Il veicolo però continua ad essere fabbricato e commercializzato in Messico.

Nel 2016, General Motors ha tirato fuori di nuovo la denominazione Cavalier per battezzare una berlina che è attualmente commercializzata nel mercato cinese. Il nuovo Cavalier è basato sulla stessa piattaforma della Chevrolet Cruze, anche se è posizionato sotto questa nel catalogo del marchio in quel mercato. Dal 2018 questo stesso modello viene esportato in Messico, dove ha sostituito la Chevrolet Sonic.

La cosa divertente è che il marchio ha deciso di registrare queste denominazioni proprio ora, che ha deciso di eliminare la Chevrolet Cruze dei mercati canadese e americano. La registrazione di queste denominazioni può servire solo allo scopo di conservarle, non si sa mai. Forse il marchio intende usarli in un altro tipo di modello, come una turismo più grande o un nuovo crossover, anche se al momento non ci sono rapporti o prove a supporto.

Chevrolet Cavalier