Lamborghini Urus, rendering radicale: coupé 2+2

Lamborghini
Lamborghini Urus

Quando Lamborghini ha annunciato l’arrivo di un suv, sicuramente tanti appassionati del marchio hanno imprecato in cielo. Tuttavia, bisogna riconoscere che l’azienda del Toro ha saputo veicolare il suo carisma nella Urus, in grado di combinare sportività e comfort con facilità disarmante. Nonostante ciò, qualcuno desidera che si spinga oltre e adotti un’essenza molto più radicale, motivo per cui i ragazzi di Car News Network hanno realizzato il rendering di una Lamborghini Urus Coupé, una idea per nulla spregevole.

Lamborghini Urus: rimosse le portiere posteriori nel nuovo rendering

Certo, di serie il veicolo italiano sfrutta già una affascinante concezione della coupé a quattro porte, ma il bozzetto intende rendere tutto quanto più tradizionale. Per riuscirci, gli ingegneri responsabili hanno applicato una caratteristica fondamentale all’Urus per convertirla in una vera coupé: la rimozione delle portiere posteriori. Nonostante le dimensioni rimangano intatte e le porte anteriori siano quelle standard, grazie all’accorgimento viene accorciato il passo, per un look più raffinato e conforme agli altri modelli in listino. L’interasse ridotto probabilmente renderebbe la Lamborghini Urus ancora più piacevole da guidare. Allo stesso tempo,  si recupererebbe quella concezione da Gran Turismo – dove il motore è collocato in posizione avanzata e la configurazione 2+2 – che la Casa emiliana utilizzava nei primi anni.

Protezione elegante

Oltre allo stile da coupé, gli autori ne hanno approfittato per applicare alcune modifiche estetiche all’Urus. A partire dalla zona anteriore, troviamo una protezione più raffinata, ottenuta sostituendo della zona laterale più elaborata con una sottile barra verticale. Il lato, oltre a mostrare solo due porte, è stato condito da una copertura degli specchietti in tonalità argento e dagli stessi pneumatici dell’Huracan Performante.

A livello meccanico, potremmo aspettarci lo schema originale. Su tale premessa, il suv-coupé tricolore riceverebbe la spinta da un V8 biturbo da 4,0 litri in grado di sviluppare 650 CV e 850 Nm di coppia, tra i più veloci nel suo segmento. La Lamborghini Urus ha scioccato il mondo mostrandosi in pubblico, tuttavia, l’idea di renderla ancora più sportiva, con configurazione coupé, la integrerebbe ancor meglio nella “famiglia”, sempre rinomata per le auto sportive di altissimo blasone.

ST-X e la versione ibrida in sviluppo

Ovviamente, per il marchio di Sant’Agate Bolognese avrebbe poco senso costruire una Urus a due porte, a meno che non conservi in qualche modo lo stesso spazio per i passeggeri posteriori. Se la cancellazione delle due porte posteriori implicasse la rimozione dei sedili posteriori, converrebbe puntare su una Huracan, allo stesso prezzo.

Una nuova, vera, Urus è l’ST-X: presentata in anteprima come concept lo scorso anno, esordirà nel 2020 in Europa e Medio Oriente, in un campionato monomarca che combinerà pista e serrato. È anche in via di sviluppo una Lamborghini Urus con propulsore ibrido.

 

 

 

 

 

Potresti essere interessato a:
Lamborghini

Lamborghini Miura: classe dedicata a Pebble Beach

Lamborghini

Lamborghini Huracan EVO Spyder: la creazione di Dr. Woo

Lamborghini

Lamborghini Aventador: l'erede arriverà solo nel 2024 e potrebbe avere un V8 elettrificato

Lamborghini

Lamborghini Avventura: alla scoperta del Circolo Polare Artico

Lascia un commento