Lotus assumerà 200 ingegneri per la sua espansione

Lotus

Il produttore di auto sportive Lotus sta assumendo 200 ingegneri per accelerare un piano di espansione voluto da Geely in Cina, secondo quanto riportato nelle scorse ore dal Sunday Telegraph. Nell’ambito di una strategia per triplicare la produzione a 5.000 auto all’anno, Lotus sta anche aprendo un centro di ingegneria nell’Inghilterra centrale. Questa è la prima volta che la casa inglese prova ad espandersi oltre la sua sede a Norfolk nell’est dell’Inghilterra.

Zhejiang Geely Holding Group, che possiede anche Volvo, ha acquisito una partecipazione di controllo in Lotus nel 2017 in un accordo da 100 milioni di sterline. Geely ha avviato la costruzione di un impianto di assemblaggio da 1,3 miliardi per veicoli di fascia alta, compresa la produzione di auto del marchio inglese a Wuhan in Cina. Sarà il primo sito di produzione al di fuori del Regno Unito per la casa inglese.

Sotto il nuovo CEO Phil Popham, un veterano della Jaguar Land Rover, la casa automobilistica inglese sta investendo in una nuova piattaforma che gli consentirà di uscire dalla nicchia delle auto sportive che ha occupato da quando Colin Chapman ha fondato l’azienda 70 anni fa. Infatti si vocifera che la società voglia arricchire la sua gamma con nuovi modelli tra cui anche un Suv.

 

L'autore

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza. Laureato alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive su noti portali Automotive Italiani ed esteri. Seguo in modo accurato tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.
Potresti essere interessato a:
Lotus

Lotus: il CEO delinea un piano sempre più ambizioso

Lotus

Lotus: novità importante nel suo organigramma

Lotus

Lotus Evija: la nuova hypercar da 2000 CV è già un successo negli USA

Lotus

Lotus: per il futuro si punterà sull'elettrico e su nuovi segmenti di mercato

in questo momento ti trovi Offline