Alfa Romeo Racing è il nuovo nome del team Sauber in F1

Motorsport

Il team Alfa Romeo Sauber F1 Team, sarà rinominato Alfa Romeo Racing per la stagione 2019, mentre affronterà il campionato del mondo di Formula 1 FIA con il campione del mondo 2007 Kimi Räikkönen e Antonio Giovinazzi. La notizia è stata ufficialmente confermata da Sauber e Fiat Chrysler. La partnership a lungo termine tra Sauber e lo sponsor Alfa Romeo ha avuto inizio nel 2018 e ha avuto una promettente prima stagione insieme con enormi progressi in pista.

C’è una rinnovata speranza per il 2019 con l’arrivo di Räikkönen e il rebrand che vedrà il famoso emblema del Biscione adornare le auto in questa stagione grazie alla partnership tra Sauber e la casa madre di Alfa Romeo, Fiat Chrysler Automobiles. “È un piacere annunciare che parteciperemo al campionato mondiale di Formula 1 2019 con il nome del team Alfa Romeo Racing”, ha dichiarato Frédéric Vasseur, Team Principal Alfa Romeo Racing.

“Dopo aver iniziato la collaborazione con il nostro title sponsor Alfa Romeo nel 2018, il nostro team ha fatto grandi progressi sul lato tecnico, commerciale e sportivo. “Questo ha dato una spinta di motivazione a ciascun membro del team, sia in pista che nella nostra sede in Svizzera, visto che il duro lavoro investito si è manifestato nei nostri risultati. “Miriamo a continuare a sviluppare ogni settore del nostro team, consentendo allo stesso tempo alla nostra passione per le corse, la tecnologia e il design di portarci avanti”.

L'autore

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza. Laureato alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive su noti portali Automotive Italiani ed esteri. Seguo in modo accurato tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.
Potresti essere interessato a:
Motorsport

Flavio Briatore: “Leclerc pronto per il titolo”

Motorsport

Formula 1: solo 4 Team d’accordo per il Regolamento 2021

Motorsport

McLaren quarta forza del Mondiale

Motorsport

Robert Kubica: calvario Suzuka (e non solo)

in questo momento ti trovi Offline