Formula 1

Guardare una gara di Formula 1 nel 2019 potrebbe rivelarsi molto più coinvolgente che mai, dato che l’Intelligenza Artificiale (AI) sarà utilizzata per alimentare una gamma di nuove immagini TV in-race, volte a rendere gli spettatori più consapevoli di ciò che sta accadendo in pista. Secondo Autosport, questa tecnologia fa parte dell’alleanza “F1 Insights” con lo strumento di machine learning di Amazon e l’uso dello strumento di apprendimento automatico Sagemaker di quest’ultimo.

“Per la prossima stagione stiamo espandendo ‘Formula 1 insights’ per i nostri spettatori, integrando ulteriormente i dati di telemetria come la posizione della vettura, le condizioni dei pneumatici, anche il tempo, così possiamo usare Sagemaker per prevedere le prestazioni della macchina, i pit stop e la strategia di gara” ha dichiarato il responsabile della F1 Ross Brawn, durante una recente conferenza Amazon Web Services (AWS) a Las Vegas. “Ci saranno alcune interessanti nuove integrazioni AI nella trasmissione TV di F1 del prossimo anno.”

Brawn ha dato al pubblico tre esempi di come queste nuove grafiche potrebbero essere utilizzate durante una trasmissione di gara. Il primo è quello di offrire allo spettatore una visione più approfondita dello stato delle gomme di ogni guidatore, in modo che i fan possano sapere quando qualcuno soffre di surriscaldamento. “Sapremo che qualcuno è nei guai: le sue gomme posteriori si stanno surriscaldando“, ha detto Brawn. “Possiamo guardare la storia delle gomme e come hanno funzionato e dove si trova al momento in gara il pilota e l’apprendimento automatico può aiutarci ad applicare un’analisi adeguata della situazione”.”Possiamo portare queste informazioni ai fan e fargli capire se il ragazzo è nei guai o se riesce a gestire la situazione”.

Un’altra idea interessante è quella di usare la tecnologia per prevedere la probabilità di una manovra di sorpasso. “Le competizioni tra auto e auto sono l’essenza, un aspetto critico di questo sport e ora, con l’apprendimento automatico e l’utilizzo di dati in tempo reale e dati storici, possiamo fare previsioni su ciò che accadrà. Ciò che è bello di questo, è che i team non hanno tutti questi dati. Noi come F1 conosciamo i dati di entrambe le macchine e possiamo fare questo confronto e questo non è mai stato fatto prima “.

Il suo esempio finale è stato un’analisi del pit-stop: “Fermare al momento giusto e montare la gomma giusta può far vincere o perdere una gara”, ha aggiunto il dirigente di Formula 1. “Prenderemo tutti i dati e daremo ai fan una panoramica del motivo per cui si sono fermati e quando si sono fermati: il team e il pilota hanno fatto la scelta giusta?” La stagione 2019 di Formula 1 prenderà il via il 17 marzo a Melbourne con il Gran Premio d’Australia.