Alfa Romeo Giulia stelvio

FCA manterrà gli impegni presi a novembre per lo stabilimento di Cassino dove, ad oggi, vengono realizzate tre vetture Alfa Romeo, ovvero la Giulia, la Giulietta e lo Stelvio. La conferma è arrivata da Pietro De Biasi, responsabile della relazioni industriali di FCA, che ha chiarito che il “Piano Italia” per Cassino non subirà modifiche.

I nuovi investimenti del gruppo FCA per lo stabilimento laziale si tradurranno, in primo luogo, nel lancio delle varianti ibride dell’Alfa Romeo Giulia e dell’Alfa Romeo Stelvio che, finalmente, dopo mesi e mesi di indiscrezioni si avviano verso l’avvio della produzione. FCA chiarirà in via ufficiale le tempistiche di avvio dei lavori sulle versioni elettrificate di Giulia e Stelvio nel corso delle prossime settimane. E’ probabile, in ogni caso, che la pre-produzione dei due modelli Alfa Romeo prenderà il via nel corso della seconda metà del 2019 con l’avvio delle vendite fissato per il primo trimestre del prossimo anno.

Al momento le informazioni sulle caratteristiche tecniche delle versioni ibride dei modelli Alfa Romeo sono molto limitate. Di certo, i due modelli potranno contare su di una modalità di funzionamento a zero emissioni, con un’autonomia intorno ai 50 chilometri. Sarà interessante valutare, inoltre, quale sarà l’impatto del sistema ibrido sulla sportività e, quindi, sulle prestazioni dei due modelli Alfa Romeo.

Da notare, infine, che la conferma degli impegni per lo stabilimento di Cassino da parte di FCA si traduce in una conferma dell’avvio della produzione del futuro D-SUV Maserati che, come noto, sarà sviluppato partendo dalla piattaforma Giorgio, la stessa utilizzata per produrre Giulia e Stelvio. Ulteriori dettagli arriveranno, senza dubbio, nel corso delle prossime settimane.