Nuova Alfa Romeo Giulietta
Nuova Alfa Romeo Giulietta: il rendering di INDAV Design

Si vocifera che la nuova versione di Alfa Romeo Giulietta potrebbe arrivare nel 2020. Il luogo prescelto per la sua produzione potrebbe essere lo stabilimento Fiat Chrysler Automobiles di Pomigliano d’Arco in Campania. Qui attualmente viene prodotta Fiat Panda che però in futuro vedrà spostare la sua produzione in Polonia con l’arrivo della nuova generazione. La nuova Giulietta poggerà sulla versione accorciata della piattaforma modulare Giorgio e dunque sarà dotata di trazione posteriore. Questo modello però non sarà più centrale nei piani del Biscione. Infatti prima di lei arriverà sul mercato un crossover che dovrebbe trovare spazio nei mercati di tutto il mondo al pari delle altre vetture che arriveranno a breve e  cioè un grande Suv e l’ammiraglia.

A differenza di questi modelli infatti la nuova versione di Alfa Romeo Giulietta non sarà commercializzata in tutto il mondo essendo un modello buono solo per l’Europa. Questo dunque la condanna alla marginalità visto che per raggiungere l’obiettivo delle 400 mila immatricolazioni annue, così come ha spiegato al Salone dell’auto di Ginevra 2017, il numero uno del Biscione Reid Bigland, sarà necessario fare arrivare sul mercato veicoli che hanno mercato in paesi come gli Stati Uniti e la Cina. 

Leggi anche: FCA utilizzerà la piattaforma Giorgio di Alfa Romeo anche per altri modelli del gruppo

Alfa Romeo Giulietta Crossover
Alfa Romeo Giulietta Crossover

Leggi anche: Volkswagen: accordo con Fiat Chrysler per mettere le mani su Maserati e Alfa Romeo?

Negli scorsi giorni addirittura si era vociferato che una nuova versione di Alfa Romeo Giulietta fosse a rischio, ma le cose in realtà non stanno così. Il modello infatti è confermato tra quelli che arriveranno ad arricchire la gamma del Biscione solo che il suo arrivo probabilmente sarà leggermene posticipato rispetto a quanto previsto inizialmente. Sarà infatti dato più risalto al crossover di classe C che arriverà presumibilmente nel 2019.