Maserati Levante e Alfa Romeo MiTo: a Mirafiori le cose vanno per il verso giusto

Alfa RomeoFiatMaserati
Maserati Levante

Maserati Levante e Alfa Romeo MiTo sono i due veicoli che in questo momento vengono prodotti nello stabilimento Fiat Chrysler Automobiles di Mirafiori in Piemonte. Questo in attesa che il prossimo anno queste due vetture vengano affiancate nella produzione da un altro modello targato Alfa Romeo. Si tratterebbe di un Svu di grandi dimensioni che arriverebbe per sfidare veicoli del calibro di Bmw X5, Audi Q7 e Mercedes GL. Oggi vi segnaliamo che la loro produzione sembra andare a gonfie vele. Se questo non stupisce più di tanto per quanto concerne il suv Maserati Levante, che fin dall’inizio ha dimostrato di avere il gradimento del pubblico, altrettanto non possiamo dire di Alfa Romeo MiTo.

Questo modello infatti è giunto al suo nono anno di produzione e dunque un calo nei livelli di produzione causati da una diminuzione delle vendite non saprebbe poi cosi insolito. Ma invece le cose sembrano essere assai lontane da questa prospettiva basti pensare che Fiat Chrysler nelle scorse ore ha chiesto alle carrozzerie di Mirafiori di rimanere aperte dal 7 al 10 febbraio prossimi per produrre Alfa Romeo MiTo. Insomma il restyling che ha caratterizzato questo veicolo negli scorsi mesi sembra aver fatto bene alla berlina di segmento ‘B’.

Leggi anche: Quattroruote day: trionfo del made in Italy grazie ad Alfa Romeo, Fiat e Maserati

Alfa Romeo Mito

Alfa Romeo Mito insieme a Maserati Levante vengono prodotte nello stabilimento FCA di Mirafiori

Leggi anche: Mercedes-Benz distribuirà più SUV e crossover alle sue concessionarie in USA

Le cose per lo stabilimento Fiat Chrysler di Mirafiori dovrebbero migliorare ulteriormente l’anno prossimo quando dovrebbe cominciare la produzione di un nuovo Suv di Alfa Romeo dalle dimensioni simili a quelle del Suv Maserati Levante, che inevitabilmente porterà ad una crescita della produzione nello stabilimento piemontese piuttosto rilevante. In questa maniera i sindacati sperano si possa tornare alla piena occupazione visto che in questo polo produttivo numerosi dipendenti sono ancora oggi sottoposti a contratti di solidarietà.

L'autore

Laureato in Giurisprudenza, appassionati di motori, esperto di tutto quello che riguarda Alfa Romeo.
Potresti essere interessato a:
Fiat

Fiat Panda: la city car italiana è la segmento A più venduta in Europa nel primo semestre del 2019

Fiat

FCA inaugura il suo nuovo Betim Design Center

Alfa Romeo

Alfa Romeo Giulietta: la nuova generazione si mostra in nuovi render basati sul Tonale

Fiat

Fiat: ecco tutte le novità che debutteranno nel 2020

Lascia un commento