Aston Martin DB4 GT Continuation
Aston Martin DB4 GT Continuation

Aston Martin DB4 GT Continuation è sicuramente una delle novità più importanti che stanno riguardando la celebre casa automobilistica inglese in questi ultimi anni. Si tratta della riproposizione in una serie limitata di uno dei suoi modelli classici, la DB4 GT, che sarà prodotta in 25 unità in una versione che comunque non sarà omologata per l’uso stradale. Questa sarà denominata Continuation. Al momento non è ancora chiaro quello che sarà il prezzo che i 25 fortunati clienti dovranno sborsare per ricevere questa automobile. Sicuramente però si tratterà di una somma abbastanza consistente, visto il valore che i modelli originali di GT hanno raggiunto negli ultimi tempi.

Aston Martin DB4 GT Continuation: Produzione a Newport Pagnell

Aston Martin DB4 GT tra 1959 e il 1963 è stata realizzata in 75 unità. In quel periodo questa macchina era considerata come una delle più potenti e veloci mai realizzate sino a quel momento. La GT fu prodotta per un uso sportivo. Il modello in edizione limitata che viene realizzato adesso si basa su alcuni di questi modelli originari che furono allestiti in una versione ancora più leggera. I numeri del telaio di questi 25 modelli saranno assegnati in progressione con gli originali.  La produzione di questo veicolo tornerà nella sede di Newport Pagnell, proprio come nel 1959, così come ci ricorda anche Quattroruote.it.

Leggi anche: Ferrari: prodotto esemplare unico per ricco cliente

Aston Martin DB4 GT Continuation
Aston Martin DB4 GT Continuation

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia: prezzi e data ufficiale di lancio negli USA

Aston Martin DB4 GT Continuation tra le varie cose utilizza un telaio tubolare che si caratterizza anche per la presenza di sospensioni indipendenti anteriori e parallelogramma di Watt posteriore, mentre la carrozzeria  è tutta realizzata in alluminio. Per quanto riguarda invece la motorizzazione, si tratta di una ricostruzione del motore classico sei cilindri in linea da 3.7 litri con 3 carburatori doppio corpo Weber. Questo propulsore all’epoca era in grado di arrivare ad una potenza di 300 Cavalli. La vettura sarà dotata di componenti di sicurezza omologati Fia per un peso totale di circa 1.230 kg.