Audi richiama 144.092 veicoli negli Stati Uniti per sensori airbag difettosi

Audi

Volkswagen in America sta richiamando 144.092 veicoli Audi negli Stati Uniti per riparare i sensori degli airbag lato passeggero malfunzionanti, secondo NHTSA, il principale regolatore di sicurezza auto della nazione. Il richiamo, pubblicato il 24 luglio, riguarda alcuni veicoli Audi S5 e A5 del 2018 insieme ad alcuni A4 2017-2018. L’ossidazione sul cavo di collegamento del sistema di rilevamento dell’airbag lato passeggero può impedire al software di rilevare gli occupanti e disabilitare l’airbag del passeggero, ha affermato il richiamo.

“Con un adulto sul sedile del passeggero un messaggio di avvertimento dice che a causa di un malfunzionamento, gli airbag sono spenti”, il proprietario di un’Audi A4 del 2017 ha scritto il 2 maggio in una denuncia alla NHTSA. “Pochi secondi o un minuto o due dopo un altro messaggio dice che gli airbag sono attivi. Questa sequenza può apparire molte volte in un’ora di guida o non apparire per diversi giorni. Un portavoce della società tedesca ha detto che 26.040 veicoli in Canada sono stati inoltre richiamati.

“Il richiamo è in risposta a un’eccessiva sensibilità del cavo di collegamento del sistema di rilevamento degli occupanti passeggeri (PODS) nel caso di una parziale ossidazione superficiale della schermatura elettrica nel cablaggio”, ha affermato la nota.”In tal caso, il PODS rileverà un malfunzionamento e spegnerà l’airbag del passeggero anche se il sedile potrebbe essere occupato.

L'autore

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza. Laureato alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive su noti portali Automotive Italiani ed esteri. Seguo in modo accurato tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.
Potresti essere interessato a:
Audi

Audi: cambio al vertice in America

Audi

Audi Sport mostra un teaser della nuova RS 6 Avant

Audi

Audi consegna circa 155.350 automobili a luglio

Audi

Audi Q3 Sportback: ordini aperti, due versioni disponibili al lancio

Lascia un commento