Tempo di lettura: 2 minuti
Audi
Audi

Audi sta cominciando a implementare la prima tecnologia ‘vehicle-to-infrastrutture’ in alcune automobili di prossima produzione con una caratteristica che permetterà ad alcuni modelli già nel 2017 di poter comunicare con i semafori e dire al conducente quando la luce rossa diventa verde e viceversa. La nuova tecnologia denominata Traffic Light Information (TLI), sarà disponibile in  alcuni selezionati modelli di Audi A4 e Q7 prodotte a partire dal 2017. La prima città in cui questa nuova tecnologia verrà sperimentata è Las Vegas, che dunque in questo caso diventa la città pioniera per lo sviluppo delle nuove tecnologie nel settore automotive, così come dice anche Quattroruote.it.

Audi prova a Las Vegas il Traffic Light Information su alcuni modelli A4 e Q7

Tra l’altro segnaliamo anche che tale sistema è stato già provato in passato anche in Germania e a Verona. Questa tecnologia riesce a fare interagire semafori e vetture grazie alla connettività a bordo delle automobili Audi (in 4G LTE). Così le vetture di Audi vengono messe nelle condizioni di memorizzare ed elaborare le sequenze dei semafori, comunicando al conducente tra quanto tempo il semaforo da rosso diventa verde. Ovviamente l’obiettivo per il futuro è quello di perfezionare ulteriormente questo sistema e poter così garantire una maggiore efficienza di guida del veicolo ottimizzando i tempi e potendo così cogliere la cosiddetta ‘Onda verde’.

Leggi anche: Audi A3: 20 anni di successi per la compatta premium della casa tedesca

Audi
Audi lancia a Las Vegas nuova tecnologia per far mettere in comunicazione le sue auto e i semafori della città

Leggi anche: Audi Q2 deep learning concept: l’auto che impara dai suoi errori

Tra l’altro in questa maniera non solo si rende più efficiente e comoda la guida riuscendo a garantire la possibilità di sfruttare l’onda verde per il guidatore, inoltre ciò dovrebbe anche comportare una riduzione delle emissioni e dunque anche dell’inquinamento. Le emissioni inquinanti con tale sistema dovrebbero ridursi  addirittura sino ad oltre il 15%. Infine altro beneficio di questa nuova tecnologia sarà una decongestione del traffico.