Bmw: in Germania riceverà meno finanziamenti pubblici per gli EV

BMW

BMW riceverà meno sussidi governativi tedeschi per la costruzione di i3 e i8 nel suo stabilimento di Lipsia di quanto non avesse richiesto. Il governo federale tedesco aveva inizialmente considerato di pagare BMW 45 milioni di euro, ma la Commissione europea ha approvato solo 17 milioni. La decisione non è più contestabile: la Corte di giustizia europea (CGE) ha infine respinto un ricorso proposto dalla casa tedesca e dallo Stato libero di Sassonia contro la Commissione europea.

Il ministro dell’economia sassone ha reagito con calma alla sconfitta legale. La sentenza è stata “completamente non drammatica”, ha affermato Martin Dulig. Lo stato continuerà a sostenere le aziende che vogliono stabilirsi in Sassonia. Secondo un portavoce della BMW, 17 milioni di euro possono essere pagati alla società dopo la sentenza.

La storia dietro la causa risale a qualche anno fa. Nel 2010 la BMW ha annunciato che avrebbe investito 392 milioni di euro nello stabilimento di Lipsia per costruire l’ auto elettrica i3 e l’auto sportiva i8 PHEV . Il governo tedesco ha notificato all’UE il loro sussidio agli investimenti previsto per 45 milioni di euro.

Nel 2014, quando era già in corso la produzione dei due modelli, la Commissione europea ha deciso che la somma di 17 milioni di euro era sufficiente per sostenere l’attività economica nella regione. La somma richiesta da BMW era la differenza di costo tra gli investimenti richiesti dalla società a Monaco e quelli a Lipsia in pianificazione, investimenti, produzione e logistica – vale a dire che la sede di Lipsia costava molto di più. La Commissione europea ha affermato che un sussidio di 45 milioni di euro falserebbe la concorrenza.

La casa automobilistica si è appellata contro questa decisione con l’argomento dei costi aggiuntivi per la posizione (precedentemente della Germania dell’Est) a Lipsia. Nel 2017 il Tribunale di primo grado europeo ha respinto il ricorso e la Corte di giustizia europea ora ha seguito la sentenza in ultima istanza.

Oltre a i3 e i8, lo stabilimento di Lipsia ora produce anche modelli delle serie 1 e 2. Nel 2018, sono state prodotte un totale di 245.000 veicoli. L’anno scorso la BMW ha annunciato che avrebbe ampliato la sua capacità fino a 350.000 veicoli.

L'autore

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza. Laureato alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive su noti portali Automotive Italiani ed esteri. Seguo in modo accurato tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.
Potresti essere interessato a:
BMW

BMW Serie 4: la nuova generazione si svela

BMW

Nel luglio 2019, le vendite di auto elettriche plug-in del BMW Group hanno superato di poco le 10.000 unità

BMW

BMW porta la carica induttiva in America

BMW

BMW 225xe: il range elettrico aumenta

Lascia un commento