Bmw

Al congresso ITS di Eindhoven, il BMW Group, insieme ai partner della politica e dell’industria automobilistica, nonché i fornitori di servizi, ha lanciato il primo progetto pilota di una piattaforma server neutrale per lo scambio di dati sul traffico rilevanti per la sicurezza. L’obiettivo è aumentare la sicurezza del traffico: per raggiungere questo obiettivo, i dati raccolti tramite sensori del veicolo sono combinati con ulteriori dati rilevanti per fornire agli utenti del traffico avvisi accurati. A partire dal 1 ° luglio, il BMW Group sarà anche il primo costruttore automobilistico a rendere disponibili i suoi dati sul traffico rilevanti per la sicurezza a chiunque abbia una licenza Creative Commons.

“Il progetto Neutral Server è il primo del suo genere e siamo orgogliosi di accendere questo percorso con i nostri partner. Quando si tratta di sicurezza stradale, non ci sono concorrenti, solo partner. La condivisione dei dati sul traffico e della rete di veicoli tramite C-V2X2 può migliorare immediatamente e ampiamente la sicurezza per tutti gli utenti della strada “, spiega Christoph Grote, Vicepresidente senior Electronics, BMW Group. In collaborazione con l’EU Data Task Force creata dalla Commissione europea, il BMW Group, Daimler, Ford, Volvo, HERE Technologies, TomTom e i governi statali hanno lanciato il primo pilota di un server neutrale per lo scambio e la combinazione dei dati.

Questa innovativa iniziativa di miglioramento della sicurezza stradale raccoglie in tempo reale e altri dati rilevanti per la sicurezza generati dai sensori del veicolo, che possono essere forniti attraverso un’interfaccia standardizzata, basata sul principio di reciprocità: coloro che condividono i dati rilevanti per la sicurezza ricevono servizi per migliorare sicurezza stradale. Dal 1 ° luglio, il BMW Group sarà il primo costruttore di automobili a rendere disponibili i dati sul traffico rilevanti sotto il profilo della sicurezza sotto il modello di licenza Creative Commons. In questo modo, l’azienda cerca di promuovere un ecosistema aperto che migliorerà la sicurezza stradale in Europa. I dati forniti includeranno informazioni in tempo reale raccolte dalla flotta di veicoli del Gruppo tedesco, ad esempio su pericoli come strade bagnate o ghiacciate, scarsa visibilità o veicoli in stallo.