Bmw nomina un nuovo responsabile dello sviluppo delle auto a guida autonoma

BMW

La casa automobilistica tedesca di lusso di BMW ha dichiarato nelle scorse ore che Alejandro Vukotich sarà il nuovo capo del dipartimento per lo sviluppo della guida  autonoma da gennaio 2019. Vukotich sostituirà Elmar Frickenstein, che è stato responsabile del dipartimento da quando questo è stato creato dalla casa automobilistica di Monaco di Baviera nel mese di maggio 2016. Il dirigente infatti andrà in pensione a marzo. Nel mese di aprile, BMW ha concentrato l’assistenza alla guida e lo sviluppo della guida autonoma a Unterschleißheim, vicino alla sede principale di Monaco.

Cambio della guardia in casa Bmw per quanto concerne la divisione guida autonoma della società bavarese

BMW e i suoi partner, tra cui Fiat Chrysler Automobiles, Intel e Mobileye, hanno 1.300 specialisti che lavorano allo sviluppo di uno stack tecnologico per la guida automatizzata. All’inizio di quest’anno, la società bavarese ha annunciato piani per aumentare la spesa per ricerca e sviluppo (R & S) fino a raggiungere un massimo storico di 7 miliardi di euro nel 2018 allo scopo di sviluppare il più velocemente possibile la tecnologie delle auto elettriche e di quelle a guida autonoma. Ricordiamo infine che la BMW iNEXT sarà il primo modello del gruppo tedesco ad essere dotato di un sistema di guida autonoma di livello 3 per una guida altamente automatizzata quando il veicolo sarà lanciato sul mercato nel 2021.

L'autore

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza. Laureato alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive su noti portali Automotive Italiani ed esteri. Seguo in modo accurato tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.
Potresti essere interessato a:
BMW

BMW Serie 4 Concept: debutto ufficiale al Salone di Francoforte 2019

BMW

BMW: la nuova supercar ibrida potrebbe chiamarsi i12

BMW

BMW: la collaborazione con Jaguar Land Rover sarà sempre più stretta

BMW

BMW Serie 4: la nuova generazione si svela