Bollo auto: la sanatoria provoca malumori

News
Bollo Auto

Ve ne avevamo parlato proprio qualche giorno fa qui, il Decreto Fiscale 2019 (detto anche strappacartelle) ha sanato i debiti per la tassa automobilistica dal 2000 al 2010. Per importi fino a 1.000 euro verrà messa in atto quindi una cancellazione automatica. Ora però la decisione sta provocando non pochi malumori, chiaramente per tutti quelli che hanno pagato la tassa in quello spazio di tempo entro le consuete scadenze.

La protesta è montata sui social, soprattutto su Twitter dove l’hashtag #bolloauto registra decide e decine di interventi. Alcuni anche coloriti.

Una situazione ampiamente prevedibile

Ovviamente un risvolto simile doveva essere ampiamente previsto. È normale che la situazione sia sfuggita di mano a molti utenti che hanno agito nella regolarità e si trovano ora beffati. Non è raro riscontrare commenti di chi propone addirittura la possibilità di ottenere un bonus: “Condono #bolloauto. Facciamo che chi finora ha pagato tutto regolarmente ha maturato un bonus evasione?”.

Ma bisogna anche aggiungere che la sanatoria che ha interessato anche il bollo auto risulta già in vigore da qualche mese. Tuttavia ora la decisione è diventata definitiva grazie anche al fatto che una recente sentenza della Commissione Tributaria ha stabilito che anche le cartelle relative al pagamento del bollo auto con importi inferiori ai mille euro rientrano nella cosiddetta pace fiscale.

Il Decreto Fiscale dice che i singoli carichi affidati agli Agenti della riscossione, tra il 1° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2010, vengono annullati in automatico. Se ciò non dovesse accadere, e si dovessero ricevere cartelle di pagamento dal Fisco o risultano ancora giudizi in corso su cartelle notificate prima dell’entrata in vigore della pace fiscale, il contribuente otterrà ragione e il debito sarà cancellato come previsto dalla legge.

Bisognerà capire ora come verrà gestita la situazione relativa a tutti quei contribuenti onesti. Poi bisognerà capire anche se la situazione non possa sfociare in una possibile class action. Staremo a vedere.

L'autore

Guardo alle sfide del settore automotive con grande attenzione e al motorsport (anche quello minore) con approccio critico, da appassionato. Cerco di trasmettere questo in ciò che scrivo ogni giorno.
    Potresti essere interessato a:
    News

    Lexus RX, arriva il restyling

    News

    ZF rende i trasporti pubblici locali intelligenti e con basse emissioni

    News

    Lancia Ypsilon, ecco la serie Monogram

    News

    Idrogeno: le Case chiedono più infrastrutture in Europa

    in questo momento ti trovi Offline