Continental lancia la produzione in serie di tecnologie per i robo-taxi

News

Alla Continental, ricercatori e sviluppatori in Europa, Nord America e Asia stanno lavorando per realizzare tecnologie di produzione in serie comprovate per l’utilizzo in robo-taxi. Già quest’anno, la tecnologia per i veicoli senza conducente sarà in produzione per la prima volta nella navetta autonoma EZ10 della compagnia francese EasyMile. Continental detiene una partecipazione in questo produttore di veicoli senza conducente dal 2017. “I blocchi tecnologici che consentono ai robo-taxi di operare sono disponibili in linea di principio e sono stati provati e testati nella pratica. Tuttavia, ora dobbiamo risolverli in modo intelligente, sicuro ed efficiente per formare un quadro generale “, ha dichiarato Andree Hohm, direttore di Driverless Mobility presso Continental.

La piattaforma di sviluppo centrale per questo lavoro è la CUbE, una piccola navetta senza conducente basata sulla piattaforma EZ10. L’obiettivo non è quello di sviluppare il CUbE in un veicolo di produzione, ma di ottenere una gamma di tecnologie continentali, come i sistemi di frenatura e i sensori circostanti pronti per il mercato in modo che possano essere utilizzati nella produzione in serie dei robo-taxi. Per quanto riguarda questo obiettivo, Andree Hohm ha detto, “I clienti che sviluppano sistemi di mobilità senza conducente dovrebbero essere in grado di attingere da una vasta gamma di prodotti e soluzioni ad alte prestazioni realizzati dalla nostra azienda. Stiamo preparando il corso per questo. Allo stesso tempo, le nostre attività globali stanno affrontando le particolarità locali “.

Affinché un robo-taxi possa guidare autonomamente, deve prima rilevare l’ambiente in modo affidabile, preciso e completo. Ciò avviene utilizzando sensori circostanti al veicolo come telecamere, radar e laser. Con l’aiuto del CUbE, Continental ha sviluppato un sistema radar pronto per la produzione, in particolare per i veicoli senza conducente. Il veicolo può generare un’immagine a 360 gradi del proprio ambiente combinando i dati provenienti da diverse tecnologie di sensori. Ciò, a sua volta, garantisce ridondanza e un livello superiore di precisione non raggiunto in precedenza, perché i sistemi radar funzionano indipendentemente dalle condizioni di visibilità e possono persino vedere attraverso oggetti come le auto parcheggiate e rilevare l’angolo della strada dietro di loro.

L'autore

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza. Laureato alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive su noti portali Automotive Italiani ed esteri. Seguo in modo accurato tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.
Potresti essere interessato a:
News

Byton M-Byte: svelate le caratteristiche del suv al Salone di Francoforte

News

Bugatti conferma che ci sarà una versione di produzione di Chiron Longtail

News

Continental sta valutando lo scorporo della divisione

News

Gli Stati Uniti guidano gli investimenti globali nelle start-up della mobilità

Lascia un commento