Dieselgate: Renault indagata in Francia per le emissioni dei suoi motori

News

Dopo il caos scoppiato nella giornata di ieri con le accuse rivolte ad FCA di aver truccato i test sulle emissioni dei motori diesel negli USA, il Dieselgate torna ad essere un argomento centrale del mondo dei motori anche in Europa dove Renault è stata ufficialmente messa sotto indagine dalla magistratura francese con ipotesi di reato di “frode sui controlli che hanno reso il prodotto pericoloso per la salute”.

Al centro delle indagini dei magistrati francesi, che già lo scorso anno avevano aperto una prima indagine su alcuni motori Renault, ci sono sempre le emissioni dei motori diesel montati su alcuni modelli. Dopo il Dieselgate di Volkswagen, in Francia una commissione indipendente ha analizzato le emissioni reali di un gran numero di modelli evidenziando risultati nettamente diversi rispetto ai dati dichiarati. La scorsa estate l’Unione Europea aveva chiesto chiarimenti a Renault sul caso. La casa francese ha sempre dichiarato di aver rispettato scrupolosamente tutti gli aspetti della normativa sulle emissioni dei motori diesel.

Mentre in Borsa il titolo di Renault crolla, così come avvenuto ieri con il titolo di FCA dopo le notizie arrivate dagli USA, la casa francese diventa il secondo gruppo aziendale, dopo Volkswagen, ad essere formalmente indagato per la violazione delle norme europee sulle emissioni. Pochi mesi fa, Carlos Ghosn, numero uno di casa Renault, aveva dichiarato quanto segue: “Siamo pronti ad aprire i software dei nostri Diesel per fare chiarezza e ristabilire la fiducia dei consumatori. Abbiamo chiesto alla UE di fare le regole per sapere cosa è accettabile e cosa no. Dateci il livello delle emissioni e lo seguiremo”

Leggi anche: Renault Megane RS: il rendering della sportiva francese

Al momento, quindi, la situazione appare ancora in divenire. I risultati dei test di controllo post-Dieselgate hanno evidenziato come l’attuale sistema di omologazione risulti decisamente inefficace e come le case costruttrici riescano ad aggirare la normativa. Maggiori dettagli sul caso Renault potrebbero emergere già nel corso dei prossimi giorni.

L'autore

Web editor e blogger da più di dieci anni, sono appassionato di sport, motori e tecnologia.
Potresti essere interessato a:
News

Dacia aggiunge il nuovo motore TCE 100 entry level alla gamma Duster

News

Pagani Huayra Roadster BC: gli pneumatici ad hoc Pirelli

News

Dacia Duster: in futuro potrebbe arrivare una variante ibrida

News

Karma svela la sua prima auto completamente elettrica

Lascia un commento