Tempo di lettura: 2 minuti
ecotassa

Dopo le tante polemiche dei giorni scorsi, cambia la struttura della nuova Ecotassa, il provvedimento ideato dal Governo per incentivare l’acquisto di auto a basso impatto ambientale (elettriche e ibride). La nuova struttura della norma conserva il sistema bonus/malus ma alza il limite di emissioni di CO2, superato il quale scatta la tassa per i veicoli inquinanti, ed introduce una serie di limiti agli incentivi, riducendo, di fatto, i bonus e il numero di modelli interessati.

Incentivi sino a 6 mila Euro per le elettriche e sino a 4 mila Euro per le ibride

Partiamo dagli incentivi. La nuova normativa prevede un Ecobonus di 6 mila Euro per l’acquisto di un modello con emissioni di CO2 comprese tra 0 e 20 grammi al chilometro (in pratica, in questa categoria rientrato esclusivamente le elettriche). L’incentivo viene riconosciuto solo a fronte della rottamazione di un modello inquinante omologato Euro 0, 1, 2, 3 o 4.

Per l’acquisto di un modello con emissioni di CO2 comprese tra 21 e 75 grammi viene riconosciuto, invece, un Ecobonus di 2,500 Euro. Anche in questo caso, l’importo viene erogato solo in caso di rottamazione di un modello inquinante omologato Euro 0, 1, 2, 3 o 4. Senza rottamazione, l’incentivo si riduce diventando 4 mila Euro per un modello con emissioni comprese tra 0 e 20 grammi al chilometro oppure 1,500 Euro per un modello con emissioni comprese tra 21 e 75 grammi al chilometro. 

Da notare, infine, che l’Ecobonus viene erogato solo per l’acquisto di modelli caratterizzati da un prezzo di listino inferiore ai 45 mila Euro (IVA esclusa). Per i modelli più costosi non sarà erogato alcun Ecobonus.

Ecotassa: il malus riguarderà tutti i modelli che superano i 160 g/km di emissioni di CO2

Con la nuova formulazione della norma, resta l’Ecotassa ma cambia il limite massimo di emissioni di CO2 che passa da 110 a 160 g/km. I modelli con emissioni comprese tra 161 e 175 g/km dovranno fare i conti con un’Ecotassa di 1.100 Euro. Per i modelli con emissioni comprese tra 176 e 200 g/km è, invece, prevista una tassa di 1.600 Euro. Le auto con emissioni comprese tra 201 e 250 g/km verranno tassate di 2 mila Euro mentre tutti i modelli che superato quota 250 g/km avranno un’Ecotassa di 2.500 Euro.

E’ importante sottolineare, infine, che l’Ecotassa va a sommarsi a tutte le altre imposte già previste sull’auto, dall’IVA alla tassa automobilistica sino ad arrivare all’imposta provinciale di trascrizione.