Sergio Marchionne
Sergio Marchionne: amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles

Nel corso di un’intervista molto interessante rilasciata durante il Salone dell’auto di Ginevra 2017 negli scorsi giorni. Sergio Marchionne numero uno di Ferrari e Fiat Chrysler parla della presunta rivalità tra Lamborghini e Ferrari facendo dichiarazioni che hanno suscitato grandi critiche da tutti i fan della casa automobilistica italiana che fa parte del gruppo tedesco Volkswagen. Il numero uno della casa automobilistica di Maranello sostiene che non c’è rivalità tra le due case in quanto molto spesso i clienti di Lamborghini sono persone che acquistano un’auto di quel brand semplicemente perché non arrivano ad acquistare una vettura targata cavallino rampante.

Questo avverrebbe o per motivi economici visto che mediamente le automobili di Ferrari sono molto più costose di quelle targate Lamborghini oppure per motivi di esclusività. Trattandosi molto spesso di vetture in edizione limitata solo pochi eletti possono arrivare a possedere una vettura Ferrari tutti gli altri si devono accontentare di una Lamborghini. Ovviamente le parole di Marchionne non hanno fatto piacere al numero uno della casa automobilistica del Toro, l’amministratore delegato Stefano Domenicali e non piaceranno sicuramente nemmeno ai numerosi fan del brand italiano di proprietà tedesca.

Ferrari
Ferrari: le parole di Sergio Marchionne su Lamborghini

Leggi anche: Ferrari: Sergio Marchionne ottimista sulla nuova monoposto

Oltre a parlare di Lamborghini, il Presidente di Ferrari ha fatto una promessa ai suoi fan, sempre nel corso di questa intervista e cioè che i motori V12 aspirati non si toccheranno. Questi semmai in futuro diventeranno ibridi venendo affiancati da unità elettriche. Questo avverrà nei prossimi anni. La prima auto del cavallino rampante con motore ibrido dovrebbe essere presentata nel corso del 2019. Infine Sergio Marchionne ha pure svelato il suo sogno nel cassetto e cioè quello di vedere nuovamente trionfare la scuderia di Maranello In Formula Uno nei prossimi anni. Il Presidente però non si sbilancia e non dice quando questo potrà avvenire.