FCA investe 700 milioni di euro per produrre Fiat 500 elettrica

Fiat
Fiat 500e

Fiat Chrysler sta investendo un totale di 700 milioni di euro in una linea di produzione per la versione elettrica della Fiat 500, secondo i resoconti dei media. Il gruppo ha già installato il primo robot della futura linea di produzione presso il proprio stabilimento di Mirafiori a Torino e prevede di produrre 80.000 unità di 500 elettrica all’anno a partire dal secondo trimestre del 2020. Pietro Gorlier, direttore generale per l’Europa, il Medio Oriente e l’Africa, ha detto a Reuters tanto.

La capacità di produzione potrebbe essere ulteriormente ampliata, se necessario. La presentazione della Fiat 500 interamente elettrica era già stata annunciata per il Salone di Ginevra 2020. L’investimento nella Fiat 500 interamente elettrica fa parte di un investimento complessivo di cinque miliardi di euro che Fiat Chrysler intende investire nei propri stabilimenti italiani entro il 202 .

Dal 2007, l’attuale Fiat 500 è stata venduta in diverse versioni aggiornate. Dal 2013, l’auto è stata anche offerta come auto elettrica negli Stati Uniti. La 500e divenne famosa anche per una dichiarazione del boss della società, il compianto Sergio Marchionne, che sconsigliava l’acquisto dell’auto per una ragione speciale: “Spero che non la comprino. Perché ogni volta che ne vendo una, mi costa $ 14.000. “Con la nuova edizione, Fiat avrà probabilmente una gestione dei costi sotto controllo.

L'autore

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza. Laureato alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive su noti portali Automotive Italiani ed esteri. Seguo in modo accurato tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.
Potresti essere interessato a:
Fiat

Fiat Panda: la versione mild hybrid potrebbe arrivare nel primo semestre del 2020

Fiat

FCA: l'avvio della produzione dei motori ibridi è stato rimandato

Fiat

Fiat 500: stop alla produzione in Nord America

Fiat

Fiat 500 dice addio agli Stati Uniti