FCA
FCA

Fiat 500X è stata al centro di una disputa durata alcuni mesi tra il governo italiano e quello tedesco. Quest’ultimo attraverso il Ministero dei Trasporti aveva attaccato FCA per la presunta irregolarità di alcuni suoi modelli ed in primis proprio il famoso crossover della principale casa automobilistica italiana reo di non rispettare nella sua versione diesel i limiti di emissioni nocive previste dalle normative europee. L’annuncio è arrivato direttamente dalla commissione Europea che ha deciso di dare ufficialmente la notizia che comunque era nell’aria già da qualche giorno essendo stata anticipata in parte da alcune indiscrezioni provenienti  dal governo italiano.

La Commissione europea si è comunque riservata di intervenire nuovamente qualora l’accordo fosse stato raggiunto in violazione delle leggi europee che disciplinano la materia in una serie di trattati. Il gruppo FCA a questo punto dovrebbe aver risolto i suoi problemi almeno per quanto concerne la Germania. La notizia arriva proprio nel giorno in cui si sono verificate delle perquisizioni ad opera delle autorità tedesca nella storica sede di Audi a Ingolstadt. Si tratta del proseguimento delle indagini relative al dieselgate che ha colpito i brand che fanno parte del gruppo automobilistico di Volkswagen ed in primis proprio il suo brand premium. 

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler: finalmente trovato l’accordo tra Italia e Germania su Fiat 500 X, lo ha comunicato la Commissione Europea

Leggi anche: Fiat Chrysler: ecco cosa è emerso nel report finale del Ministero dei Trasporti

FCA a questo punto potrà concentrarsi sulle accuse che arrivano dagli Stati Uniti lanciate negli scorsi mesi dall’Agenzia di protezione ambientale americana che ha accusato il gruppo di Sergio Marchionne di aver portato sul mercato alcuni veicoli che violano le regole sulle emissioni. Vedremo se anche in quel caso Sergio Marchionne e soci riusciranno a risolvere la situazione nel miglior modo possibile per il proprio gruppo.