fca

Il Consiglio di Fiat Chrysler Automobiles NV, riunitosi questa sera sotto la presidenza di John Elkann, ha deciso di ritirare con effetto immediato la proposta di fusione fatta al Groupe Renault. “FCA rimane fermamente convinta dell’intelligente, razionale trasformazione di una proposta che è stata ampiamente apprezzata da quando è stata presentata, la cui struttura e le cui condizioni sono state accuratamente bilanciate per offrire sostanziali benefici a tutte le parti. Tuttavia è diventato chiaro che le condizioni politiche in Francia attualmente non esistono per una tale combinazione per procedere con successo.” ha dichiarato il gruppo italo americano in un comunicato che è stato diffuso nella notte.

FCA esprime il suo sincero ringraziamento a Groupe Renault, in particolare al suo Presidente e al suo Amministratore delegato, nonché ai partner dell’Alliance di Nissan Motor Company e Mitsubishi Motors Corporation, per il loro impegno costruttivo su tutti gli aspetti della proposta. Fiat Chrysler Automobiles continuerà a rispettare i propri impegni attraverso l’attuazione della propria strategia indipendente. Insomma l’intromissione dello stato francese che aveva chiesto un ulteriore rinvio avrebbe convinto John Elkann e soci a ritirare l’offerta per una fusione che avrebbe fatto la storia creando il più grande gruppo automobilistico al mondo nel caso di coinvolgimento di Nissan.