Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Fiat Chrysler Automobiles ha annunciato venerdì un aumento del 2% delle vendite di auto negli Stati Uniti a gennaio grazie alla maggiore domanda dei suoi pick up Ram e ha dichiarato che si aspetta forti vendite nel 2019. “Nonostante il clima gelido di gennaio, rimaniamo rialzisti nel 2019, data la costante forza sottostante dell’economia statunitense”, ha detto il direttore generale del gruppo FCA in USA Reid Bigland. La casa automobilistica ha detto di aver venduto 136.082 veicoli il mese scorso, rispetto alle 132.803 unità per lo stesso periodo dell’anno precedente. Le vendite di Ram sono aumentate del 24 per cento a 39.649 veicoli a gennaio, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Le vendite di Jeep sono diminuite del 2% con 58.101 veicoli. Questo sebbene le vendite di Wrangler siano cresciute dell’11% e le vendite di Cherokee siano aumentate del 4% e le vendite di Compass siano aumentate dell’1%, mentre le vendite di Grand Cherokee sono diminuite dell’8%. Le vendite del marchio Dodge sono diminuite del 2% a 27.077 veicoli e le vendite del marchio Chrysler sono calate del 14% a 9.054 veicoli. All’interno di Dodge, le vendite di Caravan sono diminuite del 32%, le vendite di Durango del 17% e le vendite di Challenger del 5%, mentre le vendite di Charger sono rimaste invariate.

In Chrysler, le vendite di Pacifica sono diminuite del 13% e le vendite della berlina 300 sono diminuite del 10%. Il brand Fiat ha perso il 39% con 751 unità immatricolate. Anche Alfa Romeo perde terreno negli Stati Uniti. Il marchio del Biscione dopo un 2018 strepitoso inizia molto male il suo 2019 in America. La casa milanese ha perso il 30 per cento con 1.150 immatricolazioni contro le 1.568 dello scorso anno.