Fiat Chrysler e Renault

Fiat Chrysler ha presentato una proposta di “fusione trasformativa” alla casa francese Renault, ha detto oggi il costruttore italiano, in un accordo che creerebbe un leader mondiale e contribuirebbe ad affrontare alcune delle debolezze che le due società sono costrette ad affrontare in un settore automobilistico in piena trasformazione. Una fusione creerebbe una delle più grandi compagnie automobilistiche del mondo e sfiderebbe i leader del mercato Volkswagen e Toyota. Fiat Chrysler propone una fusione in parti uguali delle società al 50/50. Renault ha confermato di aver ricevuto la proposta. Il consiglio di amministrazione di Renault discuterà l’offerta al mattino e poi farà una dichiarazione scritta, ha detto la società a Boulogne-Billancourt, vicino a Parigi.

“La fusione proposta creerebbe una casa automobilistica globale, eccezionale in termini di fatturato, volume, redditività e tecnologia e vantaggiosa per gli azionisti aziendali”, ha proseguito Fiat Chrysler. Ci sono già state discussioni tra le due società per identificare i prodotti e le regioni per la cooperazione. I benefici dell’operazione proposta non si otterrebbero con la chiusura di stabilimenti ma deriverebbero da investimenti più efficienti in termini di utilizzo del capitale in piattaforme globali dei veicoli, in architetture, in sistemi di propulsione e in tecnologie. La fusione porterebbe alla nascita del terzo più grande gruppo automobilistico con 8,7 milioni di veicoli venduti e una forte presenza di mercato nelle regioni e nei segmenti chiave che diventerebbero 15 milioni se fosse coinvolta anche Nissan.