Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Fiat Chrysler Automobiles ha pagato il suo amministratore delegato Sergio Marchionne 6,6 milioni di euro nel 2018. Invece il nuovo CEO Michael Manley ha ottenuto 600.442 euro come capo dell’azienda nei suoi primi 6 mesi di lavoro. A Manley, che ha assunto il ruolo di CEO il 21 luglio poco prima che Marchionne cedesse alla malattia all’età di 66 anni, sono state anche assegnate 180.364 azioni FCA per un valore di circa 3 milioni. Tali azioni potrebbero maturare nel 2019 se verranno raggiunti determinati obiettivi per la società, secondo una dichiarazione annuale emessa venerdì da FCA e depositata presso la Securities and Exchange Commission.

Il numero uno di Fiat Chrysler Automobiles riceverà inoltre un bonus di 367.000 per la performance finanziaria del 2018 di FCA. Questo bonus sarà pagato nel 2019. Manley ha ricevuto altri compensi per 89.817 euro nel 2018, compreso l’uso di veicoli aziendali e aeromobili aziendali. Il nuovo piano di remunerazione del CEO per il 2019 è stato delineato l’anno scorso, con un obiettivo di compensazione di 14 milioni di dollari. Manley otterrà uno stipendio base di 1,6 milioni quest’anno, con l’opportunità di un bonus basato su performance di 2,4 milioni e una sovvenzione azionaria del valore di 10 milioni.

Sergio Marchionne che è stato pagata quasi 12 milioni di dollari nel 2018 oltre a 2,79 milioni di azioni FCA valutate 28,98 milioni di euro, ha ricevuto uno stipendio base di quasi 2 milioni di euro nel 2018. A Marchionne è stato dato inoltre un bonus di circa 4,6 milioni di euro sulla base della performance registrate da FCA nel 2017. Il presidente di Fiat Chrysler John Elkann in tutto ha guadagnato circa 3 milioni di euro nel 2018.