Fiat e Amazon: accordo storico, da oggi le auto si vendono online

Fiat
Fiat e Amazon

Oggi 18 novembre 2016 è un giorno storico per Fiat e Amazon. Le due celebri aziende hanno reso noto attraverso i propri rappresentanti nel corso di una conferenza stampa congiunta di aver trovato l’intesa per un accordo che potrebbe rivoluzionare l’intero settore dell’automotive. Questa mattina infatti Gianluca Italia, responsabile di FCA per l’area Emea e Nabil De Marco, responsabile settore Automotive di Amazon Europe hanno comunicato alla stampa riunita che da oggi sul noto sito di e-commerce sarà possibile acquistare alcune vetture della principale casa automobilistica italiana. Nello specifico si tratta di Fiat 500, Panda e 500L. Queste dunque saranno ordinabili direttamente online.

Amazon e Fiat: storico accordo

Ovviamente il cliente dopo averle ordinate da casa con il proprio notebook o smartphone, al pari di quanto si fa con un televisore o con un telefonino, dovrà poi andare in concessionaria per il ritiro. Si tratta ovviamente di una novità importantissima che potrebbe portare in futuro cambiamenti epocali al sistema qualora l’iniziativa dovesse trovare il consenso dei consumatori. Per il momento l’offerta riguarda solo alcune varianti di Fiat Panda, 500 e 500L e solo alcune colorazioni ma non si tratterebbe di versioni realizzate appositamente per Amazon. La cosa più interessante e che i responsabili delle due aziende affermano che su Amazon non solo si potranno acquistare le auto ma che queste avranno il prezzo più basso di mercato, relativamente a quegli specifici modelli.

Fiat e Amazon

Fiat e Amazon insieme per un accordo storico

Fiat 500, Panda e 500L da oggi si possono acquistare online su Amazon

Questo significa in parole povere che non sarà più necessario fare il consueto giro delle concessionarie e dei rivenditori di auto per capire chi offre una determinata vettura al prezzo più basso, in quanto già si sa che limitatamente a  Fiat 500, Panda e 500L è Amazon che pratica il prezzo più basso. Gli sconti addirittura possono arrivare sino al 33% del prezzo di listino. Insomma da questo punto di vista questa iniziativa potrebbe rivelarsi un vero e proprio grimaldello teso a scardinare l’attuale sistema ormai ingessato da decenni, che prevede che per l’acquisto di un’automobile ci si debba recare necessariamente da un concessionario.

About author

Laureato in Giurisprudenza, appassionati di motori, esperto di tutto quello che riguarda Alfa Romeo.
    Related posts
    Fiat

    FCA investe 700 milioni di euro per produrre Fiat 500 elettrica

    Fiat

    Fiat Panda si conferma l'auto più venduta in Italia con risultati da record

    Fiat

    Fiat Chrysler incarica ZF di costruire la nuova trasmissione automatica a 8 velocità

    Alfa RomeoFiatJeepMaserati

    FCA: primo semestre negativo in Italia, le vendite calano del 12%

    Lascia un commento