In questa parte finale del 2018, Fiat ha interrotto la produzione delle versioni diesel della Fiat Panda anche a causa di un netto calo di vendite registrato in questi ultimi mesi (nel 2018, in Italia, le Panda diesel sono in calo del 30% come unità vendute). Una volta terminati gli stock ancora disponibili in concessionaria, la Fiat Panda diesel non sarà più acquistabile.

Per sostituire la versione a gasolio della Panda, il marchio italiano pensa già al mild hybrid. La versione con l’ibrido “leggero” della segmento A della casa italiana arriverà soltanto nel 2020, dopo che FCA avrà spostato la produzione della Panda da Pomigliano d’Arco (dove in futuro dovrebbe arrivare il nuovo D-SUV di Maserati) allo stabilimento di Tychy in Polonia dove viene già prodotta la Fiat 500 anch’essa pronta a ricevere la sua prima variante elettrificata.

fiat panda

Al momento, non ci sono ulteriori dettagli in merito alla versione mild hybrid della Fiat Panda. Questa variante, in ogni caso, giocherà un ruolo importante per il modello che dovrà rilanciare le sue vendite, in netto calo in questo 2018 e non solo per colpa del diesel (le vendite della versione benzina sono in calo del 20%).

Ricordiamo che lo spostamento della produzione non segnerà la fine della carriera dell’attuale generazione della Fiat Panda, sul mercato da circa 6 anni. Il modello sarà comunque aggiornato e potrà contare su diverse novità, come l’inedita versione mild hybrid, che dovrebbero garantire una crescita delle vendite nonostante la forte concorrenza nel segmento.

Ulteriori dettagli in merito al futuro della Fiat Panda potrebbero emergere già il prossimo 29 di novembre in occasione dell’incontro tra FCA e i sindacati italiani in cui il gruppo italo-americano dovrebbe chiarire i piani futuri per gli stabilimenti del nostro Paese annunciando l’avvio della produzione di tre nuovi modelli. Continuate a seguirci per saperne di più.