Ford

Un tribunale argentino l’11 dicembre ha condannato due ex dirigenti di Ford Motor Co. alla prigione per aver aiutato gli agenti dell’ex dittatura del paese a catturare 24 lavoratori del sindacato argentino che sono stati torturati e detenuti nelle carceri militari. La corte ha detto che il direttore della produzione industriale Pedro Muller e il responsabile della sicurezza Hector Francisco Sibilla hanno preso di mira i lavoratori e hanno fornito informazioni agli agenti di sicurezza per il loro rapimento e tortura dopo il colpo di stato militare del 1976. Muller fu condannato a 10 anni e Sibilla a 12 anni.

Gli ex dirigenti negano i torti e mirano a fare ricorso. I pubblici ministeri avevano accusato gli uomini di fornire nomi, numeri di identificazione, foto e indirizzi di casa alle forze di sicurezza che hanno trascinato gli operai fuori dalla fabbrica di Ford nella periferia di Buenos Aires per essere torturati e interrogati e poi inviati alle prigioni militari. Il processo iniziato lo scorso anno fa parte di una serie di azioni penali incentrate sul sostegno delle corporazioni alla brutale dittatura militare del 1976-1983, quando circa 30.000 persone furono uccise o scomparvero. All’epoca nella fabbrica Ford a Pacheco lavoravano circa 5 mila dipendenti.

Ford Argentina non è parte del caso“, ha detto la società in una dichiarazione rilasciara alla Associated Press. Gli avvocati delle vittime hanno suggerito che potrebbero fare causa alla casa automobilistica americana presso la corte federale degli Stati Uniti. “È chiaro che Ford Motor Company aveva il controllo della filiale argentina negli anni ’70. Pertanto, vi è una responsabilità diretta della società”, ha detto alla Reuters uno degli avvocati, Tomas Ojea Quintana.