La sesta generazione di Ford Explorer ha debuttato mercoledì sera alla Ford Field, cinque giorni prima dell’inizio del North American International Auto Show. Il nuovo Explorer è stato rielaborato da zero. La piattaforma automobilistica su cui si è seduto il suo predecessore è stata sostituita con la nuova “architettura” unibody a trazione posteriore di Ford. La casa automobilistica con sede a Dearborn ha dotato l’Explorer di nuove funzioni di sicurezza e di assistenza alla guida. I dirigenti di Ford sperano che il nuovo SUV invertirà una leggera scivolata di vendite accusata da Ford nel 2018.

La nuova Ford Explorer sarà il primo SUV completamente nuovo di Ford che arriva dal debutto del SUV compatto EcoSport di un anno fa. Matt DeLorenzo, senior managing editor di Kelley Blue Book, lo ha definito “un veicolo significativo in quanto è un ritorno al più tradizionale layout SUV con un supporto motore longitudinale, trazione posteriore e trazione integrale. “Si distacca dalla formula crossover a trazione anteriore”, ha detto, “e può essere un punto di svolta”.

Nuova Ford Explorer

La nuova Ford Explorer competerà sul mercato in USA con la Chevrolet Tahoe e Traverse della rivale General Motors Co., la Yukon e l’Acadia della GMC e alcune marche straniere tra cui la Toyota Highlander. Con la riprogettazione di Explorer e il passaggio alla trazione posteriore, l’ovale blu sta cercando di rubare clienti alla concorrenza di case automobilistiche come Range Rover. Con la variante di prestazioni ST, infine Ford spera di attirare gli aspiranti acquirenti di Jeep Trackhawk.