Ford

Ford ha avvertito il Primo Ministro inglese che sta lavorando sui piani per spostare la produzione dal Regno Unito a causa della Brexit. I capi della compagnia americana hanno lanciato l’avvertimento a Theresa May durante una telefonata privata con i dirigenti d’azienda, secondo quanto riportato dal Times. Ford, che ha due stabilimenti nel Regno Unito e impiega circa 13.000 dipendenti, ha rivelato che sta preparando siti alternativi all’estero, ma non ha fornito ulteriori informazioni.

La casa americana attualmente sta subendo una massiccia ristrutturazione globale delle sue attività, compreso il suo braccio europeo. Sta pianificando un programma di riduzione dei costi di 14 miliardi di sterline, che comporta un risparmio in produzione, ingegneria e acquisti e valuterà i suoi siti di produzione come parte di tale processo. Di recente ha tagliato circa 400 posti di lavoro dal suo stabilimento di Bridgend, nel Galles meridionale. I funzionari dell’industria automobilistica britannica hanno ripetutamente avvertito del danno che la Brexit potrebbe causare. Diversi produttori stanno lavorando a piani di emergenza a breve termine.

Il Times ha riferito che altre aziende hanno emesso un avviso simile durante la chiamata. Nissan ha recentemente rinunciato ai suoi piani per la produzione del nuovo X-Trail a Sunderland, citando le preoccupazioni per Brexit e il calo della popolarità del diesel. In risposta, May ha dichiarato che il governo sta lavorando a un pacchetto di sostegno finanziario per le imprese interessate da una Brexit senza accordo.