Ford

Ford prevede di tagliare più di 5.000 posti di lavoro in Germania e ridurrà la sua forza lavoro in Gran Bretagna, nella speranza di tornare al profitto in Europa. I tagli fanno parte di un piano di revisione per l’Europa annunciato dalla casa americana a gennaio, secondo il quale la società avrebbe tagliato migliaia di posti di lavoro, puntando alla chiusura di alcuni  impianti e interrompendo la produzione dei veicoli in perdita.

“Attraverso questi programmi e altre iniziative, Ford Germania prevede di ridurre il numero di dipendenti di oltre 5.000 posti di lavoro, compreso lo staff temporaneo”, ha detto la società venerdì. Il numero totale delle posizioni colpite in Gran Bretagna deve ancora essere determinato. La casa dell’ovale blu inoltre ha detto che avrebbe razionalizzato la sua struttura “migliorando o eliminando le linee di produzione dei veicoli meno proficue.”

Ford costruisce gran parte delle sue vetture per l’Europa in Germania con salari alti negli stabilimenti di Colonia e Saarlouis. Si prevede che la casa automobilistica finisca la produzione del minivan compatto C-Max a Saarlouis poiché si concentrerà su SUV redditizi e veicoli commerciali. Ford è alle prese con una linea di modelli obsoleti e un mercato nel Regno Unito, il più grande in Europa, che a causa della Brexit si fa sempre più complicato.

Ford Europa sta perdendo soldi da anni e la pressione per ristrutturare le sue attività è aumentata da quando la rivale General Motors ha raccolto profitti vendendo i suoi marchi europei Opel e Vauxhall al gruppo francese PSA. Il piano di turnaround di Ford mira a raggiungere un margine operativo del 6% in Europa.