Ford richiama 322.000 auto in Europa per il rischio di incendio della batteria

Ford
ford

Ford torna al centro dell’attenzione nel mondo dei motori per una notizia tutt’altro che positiva. Il marchio dell’ovale blu infatti sta richiamando circa 322.000 auto in Europa. Si tratta di veicoli le cui batterie potrebbero potenzialmente incendiarsi a causa di perdite di acido. Il richiamo riguarda i veicoli Mondeo, S-Max e Galaxy costruiti tra febbraio 2014 e febbraio 2019, un portavoce della casa automobilistica americana lo ha confermato nelle scorse ore. Ford ha dichiarato che la perdita di acido della batteria attorno al terminale negativo della batteria potrebbe causare il guasto del sensore del sistema di monitoraggio della batteria.

Ford protagonista di un richiamo in Europa per il rischio di incendio in alcune auto

Di conseguenza, la batteria potrebbe surriscaldarsi, presentando un potenziale rischio di incendio. In Germania, la società richiamerà 101.000 veicoli e nel Regno Unito 56.000, con il resto distribuito sui principali mercati europei di Ford, ha detto il portavoce della società americana. Ford costruisce la berlina Mondeo e i minivan S-Max e Galaxy nella sua fabbrica a Valencia in Spagna. Per il momento non si hanno altre notizie di questo richiamo e non si sa se vi siano auto coinvolte in Italia. Vi aggiorneremo naturalmente non appena arriveranno ulteriori novità.

Ti potrebbe interessare: Ford: il SUV elettrico ispirato alla Mustang avrà un’ottima autonomia

L'autore

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza. Laureato alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive su noti portali Automotive Italiani ed esteri. Seguo in modo accurato tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.
Potresti essere interessato a:
Ford

Fordzilla: l'Ovale Blu recluta talenti degli eSports

Ford

Ford Puma: parte la produzione, prime consegne entro fine 2019

Ford

Ford presenta le nuove Galaxy e S-Max

Ford

Ford Motor Company emette due richiami di sicurezza

Lascia un commento

in questo momento ti trovi Offline