Ford

La ristrutturazione di 11 miliardi di dollari promessa da Ford potrebbe costare a 25.000 dipendenti il ​​loro lavoro, superando le riduzioni della General Motors annunciate la scorsa settimana, secondo Morgan Stanley. La casa americana deve ancora dettagliare i suoi tagli di lavoro, ma l’analista di Morgan Stanley, Adam Jonas, prevede che potrebbero essere più grandi di quelli di GM. “Stimiamo che una buona parte delle azioni di ristrutturazione di Ford si concentreranno su Ford Europa, un’azienda che attualmente valutiamo in perdita di 7 miliardi”, ha scritto Jonas. “Ma ci aspettiamo anche un significativo sforzo di ristrutturazione in Nord America, coinvolgendo un numero significativo di lavoratori subordinati e lavoratori delle UAW.”

I 70.000 dipendenti di Ford sono stati informati che dovranno affrontare perdite di lavoro non specificate entro la metà del prossimo anno, mentre la casa automobilistica lavorerà attraverso una “riprogettazione organizzativa” volta a creare una forza lavoro impiegatizia “progettata per la velocità”, secondo Karen Hampton, una portavoce. “Queste azioni verranno in gran parte al di fuori del Nord America”, ha detto Hampton della ristrutturazione del produttore di Deaborn. “Tutto questo lavoro è in corso e pubblicare una figura di riduzione del lavoro a questo punto sarebbe pura speculazione”.

La casa americana inoltre sta tagliando i turni in due stabilimenti statunitensi in primavera e trasferendo i lavoratori verso gli stabilimenti che costruiscono grandi SUV e le trasmissioni per i pick up. Si tratta di mosse che secondo la casa automobilistica non porteranno a riduzioni di posti di lavoro. Jonas ha detto che altre case automobilistiche saranno costrette a seguire le azioni di GM e Ford mentre l’industria si trasforma e si riorganizza per costruire veicoli elettrici e auto a guida autonoma.