Geely progetta di iniziare a costruire auto Lotus nella nuova fabbrica cinese

News

Geely aprirà una nuova fabbrica da 1,3 miliardi di dollari a Wuhan in Cina, con il piano di produrre nuovi modelli Lotus per la prima volta fuori dal Regno Unito. La Reuters ha ottenuto documenti governativi che rivelano che la nuova fabbrica di Wuhan di Geely costruirà modelli per il costruttore britannico di auto sportive. Non a caso sul sito di Geely ci sarebbero circa 20 posizioni aperte presso lo stabilimento di Wuhan per la produzione di future Lotus. “I dettagli su posizioni e modelli aggiuntivi saranno confermati a tempo debito”, ha risposto Geely. La nuova fabbrica di Wuhan avrà una capacità di 150.000 auto all’anno, ma i suddetti documenti non hanno rivelato una data per la sua apertura.

Lotus attualmente costruisce tutte le sue auto a Norfolk in Inghilterra, che riceverà anche un investimento di 1,9 miliardi di dollari da Geely. Rapporti precedenti suggeriscono che Lotus continuerà a costruire le sue auto sportive nel Regno Unito, mentre modelli come l’atteso SUV saranno prodotti in Cina. Non è ancora chiaro se la nuova fabbrica di Wuhan sarà esclusiva per le auto del marchio inglese. Geely ha grandi progetti per il marchio, con fonti che dicono che il proprietario cinese vuole che Lotus cresca e rivaleggi direttamente con marchi come Porsche. La casa automobilistica tedesca gode di un grande successo in Cina, in particolare con i suoi modelli SUV.

L'autore

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza. Laureato alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive su noti portali Automotive Italiani ed esteri. Seguo in modo accurato tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.
Potresti essere interessato a:
News

Audi Q3: nuove foto spia anticipano il debutto di una versione plug-in

News

Tesla Gigafactory 3 stabilisce un nuovo record

News

BYD aumenta gli utili del 203% grazie alla vendita di veicoli elettrici

News

Mitsubishi L200: al via gli ordini in Gran Bretagna