Tempo di lettura: 1 minuto
General Motors
General Motors

General Motors ha registrato il suo terzo anno consecutivo di leggero calo delle vendite negli Stati Uniti poiché la sua crescente gamma di veicoli commerciali non è riuscita a compensare cali significativi nella maggior parte delle sue vetture. GM ha detto che le vendite dello scorso anno sono scese dell’1,6 per cento rispetto al 2017 a 2,95 milioni di veicoli segnando per la prima volta dal 2014 un numero di vendite inferiori a 3 milioni. Ciò include un calo del 2,7 per cento nel quarto trimestre e un calo stimato del 3,7 per cento a dicembre. Tutti i marchi di GM hanno registrato un lieve calo nel 2018, guidati da un calo del 5,6 per cento di Buick e una diminuzione nelle vendite dell’1,4 per cento per Chevrolet. Cadillac è in calo dell’1,1% e GMC è scivolata dello 0,8%.

General Motors ha detto che le vendite di auto sono crollate del 21% per l’anno, mentre i camion sono aumentati del 2%. Il basso aumento delle vendite di autocarri è stato in parte attribuibile alla transizione della casa automobilistica verso i nuovi pick up full-size 2019 Chevrolet Silverado e GMC Sierra, che rappresentavano il 17 per cento delle consegne di veicoli leggeri GM. Entro la fine di gennaio, GM ha detto che i nuovi modelli dovrebbero essere la maggior parte delle vendite light-duty.

La crescita nelle vendite dei pick up, secondo Kurt McNeil, vicepresidente delle operazioni di vendita di General Motors negli Stati Uniti, rappresenta il maggior successo per l’industria automobilistica. “Siamo molto fiduciosi sulla crescita ulteriore dei pick up per quanto riguarda il 2019”, ha detto in una nota giovedì.