Gli Stati Uniti guidano gli investimenti globali nelle start-up della mobilità

News

Le aziende tecnologiche, le start-up e i produttori automobilistici sono protagonisti di una corsa globale per arrivare alla prossima grande era della mobilità. Stanno facendo investimenti senza precedenti nella tecnologia ACES (autonomia, connettività, elettricità e condivisione). In effetti, dal 2012, hanno investito oltre 325 miliardi di dollari in tali tecnologie.

Stiamo già assistendo a straordinari progressi nella potenza di calcolo, nella generazione di dati attraverso sensori e telecamere, durata della batteria e molto altro. Queste tecnologie di trasformazione cambieranno profondamente la società e l’economia mondiale tanto quanto il passaggio dai cavalli alle automobili, segnalando il secondo grande momento di cambiamento della mobilità e un’esperienza del consumatore assai migliore. In tutto questo un ruolo importante lo stanno avendo gli Stati Uniti.

La Start-up and Investment Landscape Analysis (SILA) di McKinsey, un motore proprietario di Big Data, mostra che dal 2010 oltre 1.000 aziende che perseguono la tecnologia ACES nel settore automobilistico hanno ricevuto oltre 210 miliardi di dollari di investimenti esterni. Circa il 40% delle società e dei dollari di investimento arriva dagli Stati Uniti. Gli investimenti hanno accelerato. I livelli di investimento medi tra le tecnologie ACES sono aumentati di sette volte nel periodo 2014-2018, rispetto al 2010-2013.

Le case automobilistiche di oggi stanno facendo ingenti investimenti nel futuro della mobilità, tra cui alcune grandi acquisizioni, come l’acquisto di GM del 2016, per circa un miliardo di dollari, di Cruise Automation, un’unità a guida autonoma. Nel complesso, tuttavia, la loro partecipazione al landgrab start-up è stata relativamente limitata. Oltre il 90% degli investimenti per la mobilità monitorati dall’analisi SILA di McKinsey sono stati effettuati da player che tradizionalmente non sono considerati aziende automobilistiche.

Tuttavia, vediamo mosse audaci da parte di case automobilistiche affermate che lavorano insieme su tecnologie future come i propulsori elettrici o la guida autonoma, basta vedere le notizie delle ultime settimane. Queste collaborazioni su larga scala hanno una logica intrinseca: la nostra analisi mostra che nessun player da solo può coprire tutte le competenze chiave rilevanti e investire facilmente un minimo di 70 miliardi di dollari per distinguersi in tutte e quattro le tendenze dirompenti.

Entro il 2030, i veicoli autonomi, alimentati dall’elettricità, popoleranno le strade. Le comunità, i colleghi e i quartieri condivideranno i veicoli. Le “vecchie” infrastrutture – come strade e parcheggi – si ridurranno di forma e volume. I veicoli connessi comunicheranno con il mondo esterno alle porte dell’auto e diventeranno hub di dati. I consumatori pagheranno una frazione delle loro attuali spese di viaggio, soprattutto quando le auto diventano una valida alternativa al trasporto aereo a corto raggio.

I produttori anticipano le aspettative dei consumatori e stanno già sviluppando veicoli con tutte le comodità di casa. Stanno progettando veicoli per migliorare la nostra vita con divani, letti, frigoriferi e schermi per video e giochi. Con i progressi della tecnologia, l’esperienza di guida – luce ambientale, musica, posizioni dei sedili, stile di guida – sarà personalizzata da “autisti virtuali”, resi possibili dall’intelligenza artificiale (AI). I potenziali vantaggi commerciali sono il motivo per cui i giganti della tecnologia e le società automobilistiche tradizionali stanno investendo in modo aggressivo nelle opportunità di mobilità di frontiera. Le vendite globali di veicoli elettrici dovrebbero già superare i 4,5 milioni di unità entro il 2020, con un aumento rispetto ai 2,1 milioni del 2018.

About author

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza. Laureato alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive su noti portali Automotive Italiani ed esteri. Seguo in modo accurato tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.
Related posts
News

Freno a mano: sulla via dell'estinzione

News

Guida autonoma: fosche previsioni dal CEO di ZF

News

McLaren dice no ai Suv

News

Le vendite globali di SUV diminuiscono del 3,1%