Honda Jazz ibrida confermata per il 2020

Honda

La prossima generazione di Honda Jazz utilizzerà il sistema ibrido bimotore già visto nell’ibrido CR-V del marchio quando verrà lanciato il prossimo anno. Honda ha ora confermato il passaggio del Jazz alla motorizzazione ibrida dopo le prime indiscrezioni trapelate negli scorsi mesi. Il nuovo modello di Honda che sarà presentato al Motor Show di Tokyo in ottobre, dovrebbe essere il primo della gamma del marchio a offrire un propulsore ibrido. Questo segue l’annuncio della casa automobilistica giapponese che ha detto di recente che tutti i suoi modelli in Europa diventeranno ibridi entro il 2025.

Honda ha dichiarato: “In vista del nostro obiettivo di elettrificazione del 2025, Honda amplierà l’applicazione del suo sistema ibrido bimotore i-MMD, con l’introduzione in vetture di segmento più piccolo, in un importante primo passo.” Attualmente, l’unico modello che la società nipponica offre come ibrido è il CR-V, che indirettamente ha sostituito una variante diesel del SUV compatto. Honda ha riscontrato un grande successo con l’ibrido CR-V, che rappresenta il 60% delle vendite del modello in alcuni paesi importanti come il Regno Unito. Dopo il lancio di Honda Jazz ibrida nel 2020, il prossimo modello elettrificato dalla casa giapponese sarà il Civic nel 2021.

Ti potrebbe interessare: Honda fa partire la sua offensiva elettrica dalla Cina con 2 nuove auto

L'autore

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza. Laureato alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive su noti portali Automotive Italiani ed esteri. Seguo in modo accurato tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.
Potresti essere interessato a:
Honda

Honda ha confermato che la nuova Jazz in Europa sarà solo ibrida

Honda

Honda e, ecco come appare la versione di produzione di questa particolare EV

Honda

Honda migliora la sicurezza del lato passeggero con l'airbag di Autoliv

Honda

Honda porterà veicoli elettrici in USA, ecco il piano

Lascia un commento