Tempo di lettura: 2 minuti
Jeep Grand Wagoneer
Jeep Grand Wagoneer

Nei mesi scorsi si era parlato del probabile arrivo sul mercato nei prossimi anni di due nuovi modelli di Jeep: Grand Wagoneer e Wagoneer. La prima delle due sarebbe stata la nuova top di gamma della casa automobilistica americana che fa parte del gruppo Fiat Chrysler Automobiles, andando a collocarsi al di sopra della Grand Cherokee nella gamma del brand americano. La conferma era arrivata anche dal Ceo Mike Manley, il quale aveva anche parlato del possibile arrivo di un mini crossover, nuova entry level del marchio. Le cose però adesso sembrerebbero essere cambiate. Infatti secondo alcuni fornitori interpellati da Automotive News ci potrebbe essere un rinvio per l’arrivo sul mercato di questi due nuovi veicoli.

Jeep Grand Wagoneer e Wagoneer dunque potrebbero essere state messe in attesa. Nessun motivo è stato fornito a questa indiscrezione, dunque non sappiamo dirvi con certezza come mai potrebbe esserci stato questo rinvio. Qualcuno però ipotizza che dietro a questo cambio di programma ci possa essere qualche problema con la piattaforma che sarebbe dovuta essere utilizzata per questo progetto. Si tratta della piattaforma usata per la Grand Cherokee che sempre secondo queste voci di corridoio si sarebbe dimostrata insufficiente a reggere il peso della nuova Grand Wagoneer, che presenta una stazza ben maggiore a quella dell’attuale top di gamma del brand di FCA. 

Leggi anche: Jeep Renegade: arrivano 2 nuove versioni che arricchiscono la gamma

Jeep Grand Wagoneer
Jeep Grand Wagoneer

Leggi anche: Nuova Jeep Compass: In Italia arriverà nella seconda metà del 2017

Mike Manley aveva detto che questo modello avrebbe avuto un prezzo non inferiore ai 120 mila euro andandosi a collocare nel segmento più elevato dei Suv, dove avrebbe sfidato concorrenti temibili come Land Rover e le case tedesche. Qualcun altro ipotizza che dietro al rinvio ci possano essere motivi finanziari. Infatti sebbene Fiat Chrysler goda in questo momento di ottima forma, il debito che grava sulla società è ancora molto pesante e al momento la priorità è quella di rilanciare Alfa Romeo. Dunque anche questo potrebbe suggerire maggiore cautela ai vertici del gruppo con un rinvio dell’arrivo sul mercato di questo modello che comunque in futuro molto probabilmente si farà.