Jeep Cherokee: più di 100.000 SUV richiamati per un problema di frizione

Jeep
Jeep Cherokee

Fiat Chrysler Automobiles ( FCAU ) ha rilasciato un richiamo per i SUV Jeep Cherokee del 2014. Il richiamo riguarda 83.000 veicoli Jeep Cherokee venduti negli Stati Uniti con un motore V6 e ulteriori 17.530 veicoli in Canada, Messico ed Europa, secondo quanto riportato da Automotive News. Il richiamo è stato provocato da un problema con una delle frizioni nella trasmissione automatica che non è in grado di gestire il flusso dell’olio della trasmissione. Il problema della frizione è che può far spostare il veicolo mentre questo si trova in folle senza preavviso, aumentando il rischio di un incidente, secondo quanto dichiarato dallo stesso produttore italo americano.

Richiamo per i SUV Jeep Cherokee del 2014, coinvolti oltre 100 mila veicoli

Fiat Chrysler Automobiles ha dichiarato di non aver ricevuto alcuna segnalazione di ferimento o morte dal problema della frizione. La casa automobilistica americana ha detto che sta lavorando a una risoluzione per correggere il difetto e invierà notifiche di richiamo ai proprietari di Jeep Cherokee quando la riparazione sarà pronta. Fiat Chrysler Automobiles ha detto a Roadshow che le comunicazioni dovrebbero iniziare ad arrivare ai proprietari dei veicoli coinvolti intorno al prossimo 2 agosto.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler Automobiles richiama quasi 343.000 pick up Ram in tutto il mondo

About author

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza. Laureato alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive su noti portali Automotive Italiani ed esteri. Seguo in modo accurato tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.
Related posts
Jeep

La cabina della Jeep Grand Cherokee sarà notevolmente migliorata

Alfa RomeoFiatJeep

FCA: a luglio vendite in calo del 19% in Italia, pesa la crisi di Fiat ed Alfa Romeo

Jeep

Jeep Gladiator: il pick-up arriverà in Europa nel 2020

Jeep

La Jeep Compass diventa italiana, da inizio 2020 via alla produzione a Melfi

Lascia un commento