Jeep testerà la condivisione di auto e i servizi di abbonamento con Turo e Avis

Jeep
Jeep Cherokee

Jeep testerà separatamente i servizi di condivisione e abbonamento peer-to-peer secondo quando dichiarato nel corso di un’intervista a Bloomberg da Tim Kuniskis, capo del marchio Fiat Chrysler Automobiles in USA. Un programma pilota per ciascun servizio avrà una durata di tre mesi e FCA collaborerà con una società diversa per ciascun programma. Il test di car sharing peer-to-peer, in base al quale i proprietari di Jeep saranno in grado di noleggiare i SUV, sarà gestito in collaborazione con Turo, una startup specializzata in questo tipo di servizio. Per quanto riguarda l’abbonamento, FCA collaborerà con Avis per un servizio che consente ai proprietari di Jeep di scambiare i loro veicoli con modelli di altri marchi FCA, tra cui Dodge Challenger e Ram 1500.

Entrambi i programmi pilota saranno disponibili solo a Boston e saranno aperti a soli 100 proprietari di Jeep ciascuno. Al termine dei programmi, FCA deciderà se aumentare o meno uno o entrambi i servizi. “Scopriremo cosa è buono e cosa non lo è, cosa piace ai clienti e cosa non piace e, in definitiva, decideremo se vogliamo farlo come qualcosa che promuoviamo presso i nostri concessionari al momento della vendita “, ha dichiarato Kuniskis nella sua intervista a Bloomberg.

I servizi di condivisione e abbonamento peer-to-peer offrono una potenziale nuova fonte di entrate per le case automobilistiche, ma anche polemiche. General Motors offre il car sharing peer-to-peer con il marchio Maven e secondo Bloomberg, Turo ha 350.000 veicoli sulla sua piattaforma. Ma Turo ha anche combattuto con le compagnie di noleggio tradizionali nello Utah per le accuse secondo cui avrebbe violato le normative.

Diverse case automobilistiche offrono già servizi di abbonamento, anche se molti sono programmi pilota su piccola scala. Cadillac ha eliminato il suo servizio di prenotazione a novembre, mentre la rivale Lincoln continua a gestire un servizio di abbonamento per auto usate. Anche Volvo con By Care fa altrettanto ma ultimamente i suoi concessionari in USA si stanno ribellando.

About author

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza. Si laurea alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive come Guest su noti portali Automotive Italiani ed esteri. Seguo in modo accurato tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.
    Related posts
    Jeep

    Jeep Gladiator: il pick-up arriverà in Europa nel 2020

    Jeep

    Jeep Cherokee: più di 100.000 SUV richiamati per un problema di frizione

    Jeep

    La Jeep Compass diventa italiana, da inizio 2020 via alla produzione a Melfi

    Jeep

    Jeep Gladiator: il pick-up è pronto al debutto in Europa

    Lascia un commento