La cinese Qiantu costruirà la sua auto sportiva elettrica da 400 cavalli in America

News

La società di design cinese CH-Auto la scorsa settimana ha annunciato la firma di un accordo di partnership con la California Mullen Technologies per lo sviluppo e l’assemblaggio di auto elettriche negli Stati Uniti in vendita in tutto il Nord America con il marchio Qiantu. Il primo modello sarà l’auto sportiva elettrica Qiantu K50 mostrata per la prima volta al salone dell’auto di Pechino del 2016. Sarà caratterizzato da un telaio in alluminio avvolto in un corpo in fibra di carbonio e generare 402 cavalli grazie ad una coppia di motori elettrici. Le stime di prestazione includono un tempo di accelerazione da 0 a 100 di circa 4,5 secondi e una velocità massima limitata a 200 km orari.

Il piano è quello di iniziare la produzione nel 2020, utilizzando componenti provenienti localmente e dalla Cina. Mullen inizierà ad accettare ordini nel 2019. Al momento della rivelazione della Qiantu K50, CH-Auto ha accennato ad un prezzo iniziale di poco più di 100 mila dollari. Sia la CH-Auto che la Mullen Technologies hanno esperienza nella produzione di auto elettriche, sebbene finora le aziende abbiano prodotto solo modelli a basso costo. Mullen Technologies è anche la società dietro la rete di concessionari Mullen Auto Sales, ed è attualmente in trattative con altre case automobilistiche al di fuori del paese per portare potenzialmente più veicoli sul mercato statunitense.

L'autore

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza. Laureato alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive su noti portali Automotive Italiani ed esteri. Seguo in modo accurato tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.
Potresti essere interessato a:
News

Audi Q3: nuove foto spia anticipano il debutto di una versione plug-in

News

Tesla Gigafactory 3 stabilisce un nuovo record

News

BYD aumenta gli utili del 203% grazie alla vendita di veicoli elettrici

News

Mitsubishi L200: al via gli ordini in Gran Bretagna