auto elettriche

La Francia opterà per il divieto di vendere nuove auto a benzina e diesel entro il 2040. Parlando martedì, il ministro dei Trasporti della Francia Elizabeth Borne ha dichiarato che una nuova legge sulla mobilità, che faciliterà anche l’introduzione di più stazioni di ricarica EV, consentirà di vietare la vendita di veicoli a benzina e diesel. La proposta di vietare la vendita di veicoli alimentati a combustibili fossili è stata fatta nel luglio 2017 dall’ex ministro dell’ambiente Nicolas Hulot all’inizio del mandato del presidente Emmanuel Macron. Tuttavia, Hulot si dimise nel settembre 2018 per protesta contro la mancanza di impegno di Macron verso le cause ambientali e, per qualche tempo, non è stato chiaro se il piano sarebbe andato avanti. Borne ha confermato che il divieto scatterà.

“Abbiamo un obiettivo per la neutralità del carbonio entro il 2050 e abbiamo bisogno di una traiettoria credibile verso questo, che include un divieto di vendita di veicoli che consumano combustibili fossili entro il 2040″, ha detto in un’intervista, secondo quanto riferito dalla Reuters. “Dall’inizio del mandato di Emmanuel Macron, il nostro obiettivo è il piano climatico che Nicolas Hulot ha annunciato nell’estate del 2017. Ora inseriremo questo obiettivo nella legge”. La legge sulla mobilità della Francia darà ai residenti dei condomini il diritto di chiedere che le stazioni di ricarica EV vengano installate nei loro parcheggi. Inoltre, la riforma promuoverà alternative al singolo uso dell’automobile, aggiornerà le reti ferroviarie e creerà un quadro legale per soluzioni di mobilità come biciclette, scooter elettrici e car-sharing.