Dacia Sandero

La terza generazione della Dacia Sandero è ormai vicina. Questo infatti sarà il grande lancio con cui Dacia farà il suo debutto nel nuovo decennio. Il suo sviluppo è ancora in corso e sta per affrontare il suo ultimo tratto. Il previsto rinnovo dell’utilitaria rumena più venduta sarà presto una realtà. Sandero del resto è un pilastro fondamentale nella gamma del marchio ed è per questo che nella casa rumena si sono presi del tempo per affrontare questo progetto ambizioso.

Rispetto al modello che attualmente possiamo trovare sul mercato, i cambiamenti saranno notevoli. E non solo per il fatto che l’architettura sarà diversa, ma per le nuove vette che Dacia Sandero raggiungerà in termini di qualità delle finiture e attrezzature tecnologiche. L’auto non perderà la sua essenza di auto pratica ed economica, ma il miglioramento sarà evidente. La nuova Dacia Sandero lascerà la piattaforma B0 e utilizzerà la nuova CMF-B, già utilizzata dalla nuova Renault Clio e che costituirà la base per numerosi modelli del Gruppo Renault. Questa nuova piattaforma consentirà a Dacia di offrire interni più spaziosi e un vano bagagli con un volume di carico maggiore. Tutto questo con una migliore messa a punto del telaio e, soprattutto, la possibilità di accedere a meccaniche all’avanguardia.

Marc Suss, direttore del Global Access Program di Renault Group, ha rivelato durante una recente intervista a un media specializzato, importanti dettagli sull’agenda che Dacia seguirà a breve termine. Le novità di Dacia per quest’anno sono, fondamentalmente, i nuovi motori e il rinnovo dei motori più vecchi della gamma, così come il lancio dell’edizione speciale X Plore. L’ingresso della terza generazione di Dacia Sandero è previsto per l’ autunno del 2020.