La nuova Dodge Challenger sarà elettrica? ecco cosa ha detto Mike Manley

News
Dodge Challenger GT

Il CEO di Fiat Chrysler Automobiles, Mike Manley, che è subentrato dopo la morte improvvisa del suo predecessore, Sergio Marchionne, lo scorso luglio ha dichiarato al Detroit News: “Penso che l’elettrificazione farà sicuramente parte delle muscle car americane nei prossimi anni. Lo stesso capiterà anche alla nostra Dodge Challenger del futuro. Del resto l’attuale tecnologia è ormai vecchia e non potrà dunque essere adottata per la futura generazione del veicolo”.

Le vendite di Dodge Challenger sono aumentate del 3% negli ultimi 12 mesi con un totale di 66.716 vendite. Così facendo il veicolo di Fiat Chrysler è riuscito a superare anche la Chevrolet Camaro, che ha visto 50.963 vendite nello stesso periodo. Nonostante ciò Manley ha spiegato che la piattaforma e i motori attuali del Challenger non saranno più praticabili il prossimo decennio, probabilmente a causa delle normative sulle emissioni, quindi è necessario un cambiamento.

La buona notizia è che nessuna performance andrà persa. In realtà, è probabile che si verifichi il contrario. “La nuova tecnologia porterà un peso in eccesso, quindi possiamo pensare ai powertrain in un modo diverso”, ha detto Manley al Detroit News. “E possiamo usare l’elettrificazione per integrare davvero quei veicoli.” Vedremo dunque quali saranno in futuro le novità che attenderanno la famosa Muscle Car di Fiat Chrysler.

L'autore

Ippolito per gli amici Lito, nasce a Monza. Laureato alla Bocconi in ingegneria meccanica. Appassionato di giornalismo in breve tempo scrive su noti portali Automotive Italiani ed esteri. Seguo in modo accurato tutto il settore Automotive News. Appassionato di Motori ed in particolare di Formula 1.
Potresti essere interessato a:
News

Audi Q3: nuove foto spia anticipano il debutto di una versione plug-in

News

Tesla Gigafactory 3 stabilisce un nuovo record

News

BYD aumenta gli utili del 203% grazie alla vendita di veicoli elettrici

News

Mitsubishi L200: al via gli ordini in Gran Bretagna

Lascia un commento