Tata Motors, proprietaria di Jaguar Land Rover, ha smentito le ipotesi secondo cui starebbe pensando di vendere i suoi due produttori di automobili britannici al gruppo PSA. La scorsa settimana, un rapporto proveniente dal Regno Unito ha affermato che PSA e Tata Motors stavano esplorando modi per risparmiare sui costi attraverso un collegamento e hanno indicato che Jaguar Land Rover poteva essere venduta a PSA. Tuttavia, entrambe le società hanno negato il rapporto.

“Stiamo generando il flusso di cassa necessario per pagare il nostro futuro. Se arriverà un’opportunità, come Opel-Vauxhall, la prenderemo in considerazione “, ha detto PSA, aggiungendo che non ha alcuna fretta di fare una qualsiasi acquisizione e può stare da sola. In una dichiarazione di Tata Motors sulla questione invece si legge: “Per questioni politiche, non facciamo commenti sulla speculazione dei media. Ma possiamo confermare che non vi è alcuna verità su queste voci “.

L’amministratore delegato della PSA ,Carlos Tavares, si è detto aperto alla possibilità di partnership con gruppi quali Fiat Chrysler Automobiles, General Motors e Jaguar Land Rover. La ricerca di un nuovo partner arriva dopo che il costruttore automobilistico ha acquistato Opel / Vauxhall da General Motors nel 2017 e rapidamente lo ha trasformato e reso redditizio.

Jaguar Land Rover è di proprietà di Tata Motors dal 2008, ma l’anno scorso, le vendite in calo in Cina, le questioni relative all’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea e il lento allontanamento dei clienti dai veicoli con motore a combustione, hanno provocato gravi perdite. La compagnia britannica ha dichiarato in precedenza che è necessario raccogliere $ 1 miliardo entro 14 mesi per sostituire obbligazioni in scadenza e finanziare investimenti in veicoli elettrici.