Maserati
Maserati

Secondo Reid Bigland numero uno di Maserati, la celebre casa automobilistica del Tridente nel 2017 potrebbe crescere in doppia cifra al pari di quanto avvenuto nel 2016 quanto le immatricolazioni del brand modenese di Fiat Chrysler Automobiles sono arrivate a 42 mila incrementando rispetto al 2015 del 30 per cento. L’amministratore delegato crede fortemente in questa possibilità e prevede che alla fine le immatricolazioni possano diventare 55 mila avvicinandosi all’obiettivo delle 70 mila vendite annue che a questo punto potrebbe essere centrato nel 2018. In particolare le cose vanno molto bene in Asia ed in particolare in Cina dove nei primi tre mesi del 2017 le vendite sono più che raddoppiate.

Anche negli Stati Uniti per Maserati le cose sono andate molto bene. Infatti a marzo 2017 la crescita è stata del 32 per cento e nei primi 3 mesi del 56 per cento. Molto bene anche l’Europa, il vecchio continente vede crescere la casa del Tridente un po’ in tutti i principali mercati europei e questo compensa gli scarsi risultati del Medio Oriente una zona in cui storicamente la casa italiana fa fatica. Merito di questa crescita va un po’a tutti i modelli ma in particolare al primo Suv nella storia del Tridente Maserati Levante che ha venduto 15 mila esemplari nel 2016 e che nel 2017 potrebbe superare quota 30 mila dando un grosso contributo al raggiungimento del record di vendite per la casa italiana che fa parte di Fiat Chrysler Automobiles. 

Maserati Ghibli Nerissimo
Maserati Ghibli Nerissimo al Salone dell’auto di New York

Queste previsioni sono state fatte dal numero uno di Maserati, l’amministratore delegato Reid Bigland direttamente al Salone dell’auto di New York 2017 parlando alla stampa. Attualmente la crescita di Maserati nel mondo per quanto riguarda il primo trimestre del 2017 è pari all’89 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, un incremento altissimo che fa ben sperare per il proseguimento della stagione.