Mazda richiama 174.000 unità negli Stati Uniti a causa di sedili difettosi

Mazda

Mazda ha richiamato 174.000 unità negli Stati Uniti a causa di sedili difettosi. Sembra che l’industria automobilistica sia stata colpita da continui richiami per i suoi prodotti. Mazda si è unita all’elenco delle società che aderiscono alla maledizione dei richiami di auto. Mazda inizierà il richiamo delle sue unità difettose a partire dal prossimo 31 marzo 2017. Il richiamo coinvolgerà sedili difettosi trovati nelle automobili. I modelli coinvolti sono Mazda 2, 3 e 3 speed. Questi veicoli di Mazda a quanto pare hanno un difetto alla regolazione in altezza del sedile. Il problema potrebbe causare crepe e rotture. Nel caso in cui si verifica la rottura il sedile non potrà più essere mantenuto in posizione corretta per il conducente e ciò può causare incidenti quando questo accade, come riportato da MSN .

Su queste unità vendute dalla celebre casa automobilistica del paese del Sol Levante verrà eseguito dunque un controllo approfondito dei pezzi a rischio guasto da parte dei rivenditori della casa automobilistica nipponica. I tecnici potrebbero rafforzare la staffa per evitare il problema oppure ancora potrebbero anche sostituire i sedili difettosi senza alcun costo, come riportato da Detroit News. Mazda ha pure un altro problema concernente richiami che coinvolgono le sue vetture. L’altro problema a cui ci riferiamo è quello relativo all’installazione degli airbag Takata.

Mazda 2

Mazda 2 è una delle vetture coinvolte nel richiamo per un difetto alla regolazione dei sedili

Leggi anche: CX-5 in mostra al Salone di Ginevra 2017, sul mercato entro fine anno

Le vetture coinvolte nel richiamo per l’installazione degli airbag difettosi Takata sono BMW, Ford (Ford, Lincoln), Honda (Honda, Acura), Hyundai (Kia), Jaguar Land Rover, Mazda, Nissan (Infiniti), e Subaru. Frammenti di vetro e metallo che potrebbero essere lanciati in aria nel caso in cui si verifichi il guasto potrebbero ferire gli occupanti della vettura. Un potenziale di 42 milioni di veicoli è parte del richiamo riguardante Takata Airbag, 374.00 di questi sono vetture della casa automobilistica nipponica, come riportato da Reuters .

L'autore

Laureato in Giurisprudenza, appassionati di motori, esperto di tutto quello che riguarda Alfa Romeo.
Potresti essere interessato a:
Mazda

Mazda registra forti vendite europee nel primo trimestre

Mazda

Mazda2: con il restyling di metà carriera arrivano il mild hybrid e tante altre novità

Mazda

Mazda3: una variante sportiva non è in programma, per ora

Mazda

Mazda CX-30 arriva in Italia in tre versioni, prezzi da 24.750 Euro

Lascia un commento