Mercedes-Benz

Mercedes USA ha comunicato ai propri concessionari nel grande paese americano che la società sta valutando un taglio nella gamma di modelli statunitensi per ridurre la complessità della propria offerta. Secondo questo rapporto il numero uno della casa automobilistica tedesca in USA, Dietmar Exler, che di recente è stato sostituito, ha dichiarato: “Dobbiamo sapere esattamente quali segmenti sono abbastanza grandi per noi, in modo che possiamo decidere su quali modelli concentrarci”.Secondo IHS Markit, Mercedes ha aumentato il numero dei suoi modelli negli Stati Uniti da 18 nel 2014 a 23 l’anno scorso.

Mentre l’espansione ha inizialmente portato a un miglioramento delle vendite, le vendite sono diminuite da 372.237 unità nel 2017 a 354.130 unità nel 2018. Nel 2019 le cose sembrano andare ancora peggio. Mercedes vuole costruire accanto ai sub-marchi AMG e Maybach con l’EQC una nuova famiglia di modelli elettrici. IHS prevede che l’offerta statunitense della casa automobilistica tedesca aumenterà fino a 26 modelli entro il 2022 e venderà 406.000 unità. L’obiettivo diventa quindi tagliare tutta una serie di varianti di modello che vendono poco in USA semplificando così la gamma della società di Stoccarda. Mercedes non ha ancora comunicato ai rivenditori quali modelli sono considerati di troppo in USA. Sappiamo già che la roadster SLC a breve uscirà di produzione, ma anche i modelli a basso volume come la Coupé e la Cabriolet della Classe S potrebbero venire eliminati dalla gamma della società tedesca negli Stati Uniti.