Carlos Ghosn

L’ex presidente di Nissan Motor, Carlos Ghosn, è stato arrestato di nuovo a Tokyo nelle prime ore di giovedì per nuovi sospetti di cattiva condotta finanziaria meno di un mese dopo essere stato rilasciato su cauzione. Il nuovo arresto arriva quando l’ex numero uno dell’alleanza di Renault/Nissan/Mitsubishi era stato rilasciato su cauzione appena un mese fa, dopo oltre 100 giorni di detenzione. È ” estremamente raro ” che un sospettato venga nuovamente arrestato dopo essere stato rilasciato, ha detto la NHK.

Carlos Ghosn ha annunciato mercoledì via Twitter che ha pianificato una conferenza stampa l’11 aprile. “Sono pronto a dire la verità su quello che sta accadendo”, ha scritto in un breve messaggio che secondo un portavoce è stato pubblicato dai suoi avvocati. Il NHK, il sito web del quotidiano Nikkei, le agenzie Jiji e Kyodo e le TV hanno confermato questa notizia.

Gli investigatori sarebbero arrivati presso l’abitazione di Carlos Ghosn questa mattina prima delle 6:00 ora locale e una macchina avrebbe lasciato la scena poco meno di un’ora dopo. Secondo la stampa nipponica, Carlos Ghosn era a bordo di questa auto. Già accusato di false dichiarazioni di reddito negli anni dal 2010 al 2018 in documenti presentati da Nissan alle autorità finanziarie e per violazione della fiducia, Ghosn è stato rilasciato il 6 marzo dietro al pagamento di un deposito cauzionale di un miliardo di yen (8 milioni di euro).